italia francia marittimo interregPROGRAMMA ITALIA- FRANCIA MARITTIMO 2014-2020: Disponibile Il secondo Avviso.
II° AVVISO: in attesa della pubblicazione ufficiale sul bollettino della Regione Toscana, prevista per il prossimo 7 dicembre, il testo dell'Avviso, approvato dal Decreto n. 12461 del 14/11/2016, è stato reso noto a titolo di pre-informazione.
DURATA AVVISO: a partire dal giorno di pubblicazione sul bollettino ufficiale della Regione Toscana, l'Avviso avrà una durata di 90 giorni. I dossier di candidatura potranno essere inseriti sulla piattaforma on line Marittimo plus a partire dal primo giorno lavorativo dopo il trentesimo giorno dalla pubblicazione, ovvero dal 9 gennaio 2017 e fino alle ore 18.00 del novantesimo giorno, il 7 marzo 2017.
PRESENTAZIONE: L'Avviso sarà presentato domani, 29 novembre, durante l'evento annuale transfrontaliero del Programma, che si terrà in Corsica, a Bastia. All'appuntamento di Bastia, seguiranno degli eventi di presentazione negli altri territori del Programma: a Cagliari, il 18 gennaio 2017, a Savona e a Nizza (date in corso di definizione).
PROPOSTE PROGETTUALI: Le proposte progettuali potranno essere presentate su tutti i quattro Assi del Programma, sui temi del turismo, della cultura, della sostenibilità dei porti, dell'info-mobilità e della formazione.
PROGETTI: I progetti dovranno coinvolgere partner italiani e francesi dell'area di cooperazione: potranno partecipare organismi internazionali, organismi pubblici, privati e di diritto pubblico.
RISORSE: sarà allocato un finanziamento complessivo di 69.274.727,00 euro, di cui 58.883.518,00 euro provenienti dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e 10.391209,00 euro di contropartita nazionale italiana e francese.
CONTRIBUTO: per i partner italiani e francesi privati il contributo FESR è pari all'85%, mentre la Contropartita Nazionale (CN)  del 15% viene assicurata dal partner stesso o garantita da altro ente pubblico.
Nel caso in cui le attività proposte siano rilevanti ai fini della disciplina  di aiuti di Stato, il contributo massimo concesso sarà calcolato applicando il regime di de minimis o il regime in esenzione.
DOMANDE: dal 9 gennaio 2017 e fino alle ore 18.00 del novantesimo giorno, il 7 marzo 2017.

CHIEDI INFORMAZIONI CHIEDI APPUNTAMENTO


PROGRAMMA ITALIA- FRANCIA MARITTIMO

Logo Italia Contributi

Richiedi un Appuntamento a Milano

Richiedi un appuntamento in altre città

Richiedi informazioni

Sei un Commercialista? Collabora con noi​


Interreg Italia-Francia Marittimo

Il Programma Interreg Italia-Francia Marittimo 2014-2020 è un Programma dell’obiettivo Cooperazione Territoriale Europea, cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR).

  • Il Programma di cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020 supporta la cooperazione tra le regioni del Nord del Mare Tirreno.

Come tutti gli altri strumenti della politica di coesione, si fonda sulle priorità individuate dalla “Strategia Europa 2020”, declinandole in una dimensione fortemente “marittima” che prende in considerazione le problematiche delle aree costiere e dell’insularità ma anche quelle delle zone interne.

AREA ELEGGIBILE DI PROGRAMMA

Coinvolgendo ora 6.5 milioni di abitanti, il Programma prosegue nel 2014-2020 il suo impegno a supporto del rafforzamento della cooperazione tra i territori di 2 Stati Membri (Francia e Italia):

  • la Corsica (Haute-Corse e Corse du Sud),
  • la Sardegna (province di Sassari, Nuoro, Cagliari, Oristano, Olbia-Tempio, Ogliastra. Medio-Campidano, Carnomia-Iglesias),
  • la Liguria (province di Imperia, Savona, Genova, La Spezia)
  • e le 5 province della costa Toscana (Massa-Carrara, Lucca, Pisa, Livorno, Grosseto),
  • alle quali si sono aggiunti i dipartimenti francesi delle Alpi-Marittime e del Var, situati nella Regione Provence-Alpes-Côte d'Azur (PACA).

OBIETTIVO GENERALE DEL PROGRAMMA

L’obiettivo principale del programma Italia - Francia Marittimo è quello di contribuire a rafforzare la cooperazione transfrontaliera tra i territori partecipanti e a rendere lo spazio di cooperazione una zona competitiva, inclusiva e sostenibile nel panorama europeo e mediterraneo.

CRESCITA INTELLIGENTE

  • Trasferimento di tecnologia a settori e filiere di intervento con forte potenziale innovativo e, per i quali, un approccio cooperativo a livello transfrontaliero rappresenta un valore aggiunto; settori legati alla blue e green economy ed in generale all’economia del mare;
  • sostegno alla creazione o al miglioramento della connessione fra cluster regionali in settori chiave attraverso la condivisione di reti e relazioni, ma anche di spazi fisici, logistici e informatici,
  • appoggio alla creazione di imprese innovatrici, ovvero smart, creative e sostenibili di respiro transfrontaliero, soprattutto nelle aree a forte declino industriale

CRESCITA SOSTENIBILE

  • valorizzazione del patrimonio naturale e culturale dell’area di cooperazione che rappresenta un asset fondamentale per la crescita,
  • prevenzione e gestione dei rischi naturali e marittimi e rafforzamento della sicurezza marittima,
  • lotta al cambiamento climatico, all'inquinamento acustico e all'emissione di CO2,
  • soluzioni alternative per mitigare l’isolamento dei territori insulari, forme di gestione rafforzata e innovativa di servizi di trasporto pubblico, sviluppo di sistemi congiunti di infomobilità / intermodalità

CRESCITA INCLUSIVA

  • occupazione giovanile, imprese creative e economia sociale,
  • rafforzamento del capitale umano attraverso dispositivi congiunti di formazione, sostegno alla mobilità, agli attori economici

ASSI DEL PROGRAMMA

Il Programma, dotato di un budget di oltre 199,6 milioni di euro, è strutturato su 4 assi:

  • Asse 1 - Promozione della competitività delle imprese nelle filiere transfrontaliere
  • Asse 2 - Protezione e valorizzazione delle risorse naturali e culturali e gestione dei rischi
  • Asse 3 - Miglioramento della connessione dei territori e della sostenibilità delle attività portuali
  • Asse 4 - Aumento delle opportunità di lavoro sostenibile e di qualità e di inserimento attraverso l’attività economica

Asse 1
- Promozione della competitività delle imprese nelle filiere transfrontaliere: L’asse 1 punta ad accrescere la competitività del tessuto imprenditoriale della zona di cooperazione attraverso l’identificazione di filiere prioritarie transfrontaliere legate alla crescita blu e verde, quali la nautica/cantieristica navale, il turismo innovativo e sostenibile, le biotecnologie "blu e verdi" e le energie rinnovabili "blu e verdi".
Le azioni finanziate consentiranno la creazione di nuove realtà imprenditoriali e il consolidamento delle imprese esistenti attraverso l’aumento delle possibilità di espansione;

Asse 2
- Protezione e valorizzazione delle risorse naturali e culturali e gestione dei rischi: L’asse 2 mira a migliorare la capacità delle istituzioni pubbliche di promuovere, in modo congiunto, la prevenzione e la gestione di certi rischi specifici della zona e strettamente collegati al cambiamento climatico (rischio idrologico, erosione costiera, incendi) e a migliorare la sicurezza in mare, quale rischio specifico legato alla navigazione.
Questo asse si propone anche di favorire la gestione congiunta sostenibile e responsabile del patrimonio culturale e naturale della zona, in particolare aumentando la protezione delle acque marine minacciate da rischi causati dalle attività produttive ed umane nei porti;

Asse 3
- Miglioramento della connessione dei territori e della sostenibilità delle attività portuali: L’asse 3 prevede di contribuire al miglioramento delle connessioni tra nodi secondari e terziari transfrontalieri - ovvero infrastrutture di rete meno collegate - alle reti di trasporto trans-europee (TEN-T, acronimo inglese), aumentando l’offerta di trasporto e lo sviluppo della multi-modalità quale vantaggio per le popolazione della zona, in particolare i cittadini situati in zone isolate.
Lo stesso asse punta a migliorare la sostenibilità delle attività svolte nei porti riducendo l’inquinamento acustico e le emissioni di CO2;

Asse 4
- Aumento delle opportunità di lavoro sostenibile e di qualità e di inserimento attraverso l’attività economica: L’asse 4, complementare dell’asse 1, mira ad aumentare le opportunità di lavoro e di inserimento attraverso l’attività economica nelle filiere transfrontaliere indicate nell’asse 1 sostenendo l'auto imprenditorialità, la microimpresa e l'impresa dell'economia sociale e solidale.
Obiettivo di questo asse è anche il rafforzamento del mercato del lavoro transfrontaliero nelle filiere prioritarie e nell’impresa dell'economia sociale e solidale attraverso servizi congiunti per il lavoro e offerte di formazione integrate.

TERRITORIO INTERESSATO

Il territorio interessato dal Programma coinvolge diverse Regioni e Province dell’Italia e della Francia:

PER L’ITALIA:

  • Sardegna: Sassari, Nuoro, Cagliari, Oristano, Olbia-Tempio, Ogliastra, Medio-Campidano, Carbonia-Iglesias;
  • Toscana: Massa-Carrara, Lucca, Pisa, Livorno, Grosseto;
  • Liguria: Genova, Imperia, La Spezia, Savona.

PER LA FRANCIA:

  • Corsica: Corse du Sud, Haute-Corse;
  • Provenza-Alpi-Costa Azzurra: Alpes-Maritimes, Var.

BUDGET COMPLESSIVO DEL PROGRAMMA

Il Programma ha un'allocazione finanziaria di 199.649.898,00 €,  di cui 169.702.411 € finanziati dal FESR.

ALLOCAZIONE DISPONIBILE PER CIASCUN ASSE PRIORITARIO?

  • Asse prioritario 1
    – Promozione della competitività delle imprese nelle filiere prioritarie transfrontaliere:
    € 41.287.598;
  • Asse prioritario 2
    – Protezione e valorizzazione delle risorse naturali e culturali e gestione dei rischi
    € 97.588.869;
  • Asse prioritario 3
    – Miglioramento dell’accessibilità dei territori:
    € 30.965.699;
  • Asse prioritario 4
    – Rafforzamento della coesione sociale e dell’inserimento attraverso l’attività economica:
    € 17.828.738;
  • Asse prioritario 5
    – Assistenza tecnica:
    € 11.978.993.

BENEFICIARI E PARTENARIATO

Gli attori che possono partecipare agli avvisi per accedere alle risorse del Programma sono numerosi.

Con le loro proposte, possono declinare al meglio le politiche del Programma sul territorio.

Con quattro differenti temi di intervento, il Programma Italia - Francia Marittimo 2014-2020 si rivolge a un sistema vasto e articolato di potenziali beneficiari.

ECCO QUALCHE ESEMPIO:

  • centri di ricerca,
  • università,
  • associazioni,
  • sindacati,
  • enti pubblici,
  • piccole e medie imprese,
  • aziende di trasporto,
  • Autorità Portuali,
  • servizi per l’impiego,
  • organismi di formazione
  • e via dicendo.
Tutti i soggetti beneficiari devono essere dotati di personalità giuridica.

SOGGETTI PRIVATI

I soggetti privati possono essere capofila di un progetto;

  • I capofila privati sono chiamati a dimostrare, sulla base della documentazione richiesta nell'Avviso, la propria capacità finanziaria.
  • La capacità finanziaria degli organismi privati "sarà verificata a finanziamento approvato sulla base di specifici criteri che saranno indicati nell'avviso.
  • L'organismo privato dovrà comunque sottoscrivere all'atto della candidatura una dichiarazione che prevede il possesso dei requisiti richiesti".

NUMERO MINIMO DI PARTNER

Per i Progetti semplici il numero di partner può variare da un minimo di 2 ad un massimo di 8.

Partenariati più estesi potranno essere considerati ammissibili se debitamente giustificati.

  • Le associazioni senza fini di lucro possono partecipare, purché provvisti di personalità giuridica.
  • Un GEIE è eleggibile e il GEIE dotato di personalità giuridica è un soggetto ammissibile in qualità di partner o di capofila.

ORGANISMI DI DIRITTO PUBBLICO

Gli organismi di diritto pubblico sono soggetti ammissibili sia come partner che come Capofila.

GRANDI IMPRESE

  • Le grandi imprese non sono ammissibili.

AMMISSIBILITA' DELLE SPESE

Il periodo di ammissibilità delle spese nel P.C. IT-FR Marittimo 2014-2020  decorre dalla data della notifica di approvazione della proposta progettuale.

  • Non sarà possibile candidare interventi già realizzati o in corso, ciò nondimeno la questione potrà essere valutata, caso per caso, a livello del singolo intervento.

QUOTA DI COFINANZIAMENTO PRE I PARTECIPANTI

QUOTA DI COFINANZIAMENTO PREVISTA PER LE IMPRESE PARTECIPANTI

Per i partner italiani e francesi privati il contributo FESR è pari all'85%, mentre la Contropartita Nazionale (CN)  del 15% viene assicurata dal partner stesso o garantita da altro ente pubblico.

  • Nel caso in cui le attività proposte siano rilevanti ai fini della disciplina  di aiuti di Stato, il contributo massimo concesso sarà calcolato applicando il regime di de minimis o il regime in esenzione.

Il finanziamento è costituito dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) per il 85% e dalla contropartite nazionali  per il 15%.

  • Per i partner italiani pubblici la CN viene assicurata con Fondo di Rotazione di cui alla Delibera CIPE N. 10 del 28 gennaio 2015.
  • Per i partner  francesi (pubblici e privati) e per i partner italiani privati la CN viene  assicurata con fondi del  partner stesso o garantiti da altro ente/i pubblico/i.

Nel caso in cui le attività proposte, sia da parte di organismi pubblici che privati, siano rilevanti ai fini della disciplina  di aiuti di Stato, il contributo massimo concesso sarà calcolato applicando il regime di de minimis o il regime in esenzione.

CERTIFICAZIONI DELLA SPESA

La certificazione della spesa sarà effettuata indicativamente a cadenza semestrale per l'intera durata del progetto, con le seguenti modalità:

  • A carico di ogni singolo partner (e aggregazione da parte del Capofila per il successivo invio all'AG, come sarà meglio specificato nel Manuale di Gestione):

CONTROLLI

"Per quanto concerne le attività di certificazione (controllo di I livello), il/i "controllore/i" designato/i secondo quanto previsto dagli Articoli 125(4), 125(5) del Regolamento (UE) n. 1303/2013 e all'Articolo 23(4) del Regolamento (UE) 1299/2013 verificano, in relazione ai beneficiari sul proprio territorio, che i prodotti e servizi finanziati siano stati forniti, che i beneficiari abbiano pagato le spese dichiarate e che queste ultime siano conformi al diritto applicabile al Programma e alle condizioni per il sostegno dell'operazione".

COSTI PER CONSULENZE O SERVIZI

I beneficiari italiani (Capofila  e partner) potranno destinare all’interno della categoria di spesa “Costi per consulenze o servizi” il  3% del proprio budget totale.

DOMANDE

A partire dal giorno di pubblicazione sul bollettino ufficiale della Regione Toscana, l'Avviso avrà una durata di 90 giorni.

I dossier di candidatura potranno essere inseriti sulla piattaforma on line a partire dal primo giorno lavorativo dopo il trentesimo giorno dalla pubblicazione, ovver:

  • dal 9 gennaio 2017
  • e fino alle ore 18.00 del novantesimo giorno, il 7 marzo 2017.

MAGGIORI INFORMAZIONI 

Chiedi InformazioniChiedi AppuntamentoAbbonamenti



© Copyright - ITALIA CONTRIBUTI S.R.L.
Tutti i diritti sono riservati
Vietato riprodurre, copiare o ripubblicare articoli e contenuti senza autorizzazione.

Se vuoi ripubblicare questo articolo sul tuo blog o sito internet puoi farlo citando la fonte, inserendo la dicitura "Questo articolo è stato originariamente pubblicato sul sito web www.italiacontributi.it" e includendo un link attivo diretto alla pagina dell\'articolo.


CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

COLLABORAZIONI PROFESSIONALI

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

ITALIA CONTRIBUTI: CHI SIAMO

NUOVA SABATINI TER 2017-2018

Selfiemployment - Microcredito ai Giovani

SELFIEMPLOIEMENT.GIOVANI.NEED.UNDER.29

FONDI BEI PER LE IMPRESE 2017

FONDI.BEI.2017

INAIL BANDO ISI 2016-2017

INAIL.BANDO.ISI.2016 2017

BONIFICHE AMIANTO

MINISTERO.AMBIENTE.BONIFICHE.AMIANTO.CREDITO.DI.IMPOSTA

inail bando isi agricoltura 2016-2017

INAIL BANDO ISI Agricoltura 2016 2017

Iscriviti alla Newsletter

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO PER DONNE E GIOVANI

INVITALIA.NUOVE.IMPRESE.TASSO.ZERO

Beni Sequestrati alla Criminalità

MISE BENI SEQUESTRATI ALLA CRIMINALITA ORGANIZZATA

MARCHI STORICI

marchi storici

AGEVOLAZIONI INTERNAZIONALIZZAZIONE E EXPORT

mise.internazionalizzazione

Imprenditoria Femminie Fondo di Garanzia

MISE.L.662.FONDO.DI.GARANZIA.IMPRESE.FEMMINILI

SMART & START ITALIA 2017

SMART.E.START.250


HORIZON 2020 - PON IMPRESE & COMPETITIVITA'

PON 2014 2020 RICERCA SVILUPPO

CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

CERCA

AGEVOLAZIONI AMBIENTALI

MISE.AGEVOLAZIONI.AMBIENTALI.250

MICROCREDITO E FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

CULTURA CREA

CULTURA.CREA

BENI CULTURALI: IMPRESE CREATIVE

PON.FESR.CULTURA

SUPER AMMORTAMENTO 140%

super.ammortamento.140 2016

LIFE (2014-2020) Programma per l’ambiente e l’azione per il clima

AMBIENTE.PROGRAMMA.LIFE

No Profit, Sociale e Volontariato

NOPROFIT.SOCIALE.VOLONTARIATO

Selfiemployment - Microcredito ai Giovani

SELFIEMPLOIEMENT.GIOVANI.NEED.UNDER.29

FINALITA

MISE INCENTIVI RINN0VABILI 2016

DECRETO.RINNOVABILI

CONCORSI E PREMI

concorsi.e.preni.italia

FONDI BEI: FINAZIAMENTI AGEVOLATI PER PMI

SETTORI

CREDITO DI IMPOSTA 20%

credito.di.imposta.20.2016.2019

INTERREG ITALIA-SVIZZERA 2014-2020

INTERREG.ITALIA.SVIZZERA.2014 2020

CERCA

Tutte le agevolazioni finanziarie per le Donne

AGEVOLAZIONI.DONNE

Ismea: Primo Insediamento Giovani

Ismea: Subentro e Ampliamento in Agricoltura

CHI È ON LINE

Abbiamo 4133 visitatori e 2 utenti online

Patrimonializzazione delle Pmi

Export: inserimento sui mercati esteri

Partecipazione a Fiere

CONTROLLA I TUOI REQUISITI

SMART & START ITALIA

MICROCREDITO

MICROCREDITO.250

 

 

FONDI BEI: FINAZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI

CERCA

Iscriviti alla Newsletter

AGEVOLAZIONI NAZIONALI

COLLABORAZIONI PROFESSIONALI

CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI