EMILIA ROMAGNA FEAMP MISURA 2.4.8 ACQUACOLTURAEMILIA ROMAGNA: Feamp, Avviso pubblico Misura 2.48,  Investimenti produttivi destinati all'acquacoltura.
BENEFICIARI: le imprese acquicole, ossia che svolgono attività di acquacoltura in maniera esclusiva o prevalente.
FINALITA':  la Misura è diretta a sostenere la competitività e la redditività delle imprese acquicole, incluso il miglioramento della sicurezza e delle condizioni di lavoro, la promozione della salute e del benessere degli animali e della salute e della sicurezza pubblica, a favorire un'acquacoltura sostenibile sotto il profilo ambientale, promuovendo l'uso efficiente delle risorse e sostenendo la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio.
LINEE DI INTERVENTO:  L'art. 48, par. 1, del Reg. (UE) n. 508/2014 prevede diverse linee d'intervento. Il presente avviso le ha raggruppate in tre Gruppi distinti.
CONTRIBUTO: l’intensità dell’aiuto pubblico per la Misura 2.48 è pari al 50% della spesa totale ammissibile.
Qualora il beneficiario sia un’impresa acquicola che non rientra tra le PMI, l’intensità dell’aiutopubblico è ridotta di 20 punti percentuali.
MASSIMALE: per ogni Gruppo, sono fissati i seguenti limiti di spesa ammissibile:
- € 25.000,00 quale limite minimo; - € 800.000,00 quale limite massimo, fermo restando quanto disponibile per ogni singola sottomisura.
DOMANDE: entro il 12 febbraio 2018.

CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

 

 

 

EMILIA ROMAGNA: Feamp, Avviso pubblico Misura 2.48

Chiedi un appuntamento a Milano
Chiedi un appuntamento a Bologna
Chiedi un appuntamento in altre città

Chiedi Informazioni

SEI UN PROFESSIONISTA? COLLABORA CON NOI

 

 

EMILIA ROMAGNA: Investimenti produttivi destinati all'acquacoltura

MISURA 2.48
Gruppo A - par. 1, lett. a), b), c), d), f) e h)
Gruppo B - par. 1, lett. e), i) e j)
Gruppo C - par. 1, lett. k)
Investimenti produttivi destinati all’acquacoltura (Art. 48 del Reg. (UE) n. 508/2014)

PRIORITÀ N. 2
Favorire un’acquacoltura sostenibile sotto il profilo ambientale, efficiente in termini di
risorse, innovativa, competitiva e basata sulle conoscenze

FINALITÀ

La misura è diretta a sostenere la competitività e la redditività delle imprese acquicole, incluso il miglioramento della sicurezza e delle condizioni di lavoro, la promozione della salute e del benessere degli animali e della salute e della sicurezza pubblica, a favorire un’acquacoltura sostenibile sotto il profilo ambientale, promuovendo l’uso efficiente delle risorse e sostenendo la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio.

SOTTOMISURE

Le sottomisure, in relazione agli obiettivi tematici, sono così raggruppate:

  • - GRUPPO A:
    - Lett. a), b), c), d), f), h) dell’art. 48, paragrafo 1 del Reg. (UE) n. 508/2014
    - Obiettivo Tematico 3
    - Promuovere la competitività delle PMI, del settore agricolo (per il FEASR)
    - e del settore della Pesca e dell’acquacoltura (per il FEAMP)
  • - GRUPPO B:
    - lett. e), i), j) dell’art. 48, paragrafo 1 del Reg. (UE) n. 508/2014
    - Obiettivo Tematico 6
  • – Preservare e tutelare l’ambiente e promuovere l’uso efficiente delle risorse -
  • - GRUPPO C:
    - lett. k) dell’art. 48, paragrafo 1 del Reg. (UE) n. 508/2014
  • - Obiettivo Tematico 4
    – Sostenere la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori -.

INTERVENTI AMMISSIBILI

La Misura è diretta a sostenere la competitività e la redditività delle imprese acquicole, incluso il miglioramento della sicurezza e delle condizioni di lavoro, la promozione della salute e del benessere degli animali e della salute e della sicurezza pubblica, a favorire un'acquacoltura sostenibile sotto il profilo ambientale, promuovendo l'uso efficiente delle risorse e sostenendo la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio.

Nell’ambito del Gruppo A, costituiscono interventi ammissibili le seguenti operazioni:

  • a) investimenti produttivi nel settore dell’acquacoltura;
  • b) diversificazione della produzione dell’acquacoltura e delle specie allevate;
  • c) ammodernamento delle unità di acquacoltura, compreso il miglioramento delle condizioni di lavoro e di sicurezza dei lavoratori del settore dell’acquacoltura;
  • d) miglioramento e ammodernamento connessi alla salute e al benessere degli animali, compreso l’acquisto di attrezzature volte a proteggere gli allevamenti dai predatori selvatici;
  • f) investimenti destinati a migliorare la qualità o ad aggiungere valore ai prodotti dell’acquacoltura;
  • h) diversificazione del reddito delle imprese acquicole tramite lo sviluppo di attività complementari.

ATTIVITÀ COMPLEMENTARI

Per attività complementari si intendono quelle connesse all’attività principale dell’impresa acquicola ossia quelle direttamente collegate alla produzione acquicola e finalizzate alla valorizzazione dei propri prodotti aziendali, di seguito indicate:

  • manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione, valorizzazione e promozione, che abbiano ad oggetto prevalentemente la propria produzione;
  • organizzazione di escursioni finalizzate all'osservazione delle attività di acquacoltura, allo svolgimento di attività di pesca ricreativa o al trasporto di subacquei;
    l’attività è svolta dall’impresa attraverso l’utilizzo di imbarcazioni asservite agli impianti con licenza di V categoria nella disponibilità dell'impresa stessa;
  • - attività di ospitalità, ricreative, didattiche, culturali e di fornitura di beni e di servizi, volte alla corretta fruizione degli ecosistemi acquatici e vallivi, e delle risorse dell'acquacoltura, nonché alla valorizzazione degli aspetti socioculturali delle imprese di acquacoltura;
    tali attività sono svolte dall'impresa ittica di acquacoltura attraverso l'utilizzo dell'abitazione dell'imprenditore ittico e delle attrezzature o risorse dell’azienda, normalmente impiegate nell’attività, comprese le imbarcazioni asservite agli impianti, con licenza di V categoria.

Nell’ambito del Gruppo B, costituiscono interventi ammissibili le seguenti operazioni:

  • e) investimenti per la riduzione dell’impatto negativo o l’accentuazione degli effetti positivi sull’ambiente, nonché l’uso più efficiente delle risorse;
  • i) investimenti volti all’ottenimento di una considerevole riduzione nell’impatto delle imprese acquicole sull’utilizzo e sulla qualità delle acque, in particolare tramite la riduzione del quantitativo utilizzato d’acqua, di sostanze chimiche, antibiotici e altri medicinali o il miglioramento della qualità delle acque in uscita anche facendo ricorso a sistema di acquacoltura multitrofica;
  • j) promozione dei sistemi di acquacoltura a circuito chiuso in cui l’allevamento dei prodotti acquicoli avviene in sistemi chiusi a ricircolo che riducono al minimo l’utilizzo di acqua.

Nell’ambito del Gruppo C, costituiscono interventi ammissibili quelli rientranti nella seguente
operazione:

  • k) aumento dell’efficienza energetica e la promozione della conversione delle imprese acquicole verso fonti rinnovabili di energia.

I progetti devono essere articolati in relazione al Gruppo di appartenenza delle operazioni richieste.

Pertanto, il richiedente che intende accedere al contributo per sottomisure che ricadono in Gruppi diversi, dovrà elaborare un progetto per ciascun Gruppo.

Lo stesso investimento non può rientrare in più sottomisure e/o in più Gruppi.

AREA TERRITORIALE DI ATTUAZIONE

Gli interventi devono essere realizzati sul territorio della Regione Emilia-Romagna.

BENEFICIARI

I soggetti ammissibili al finanziamento sono le imprese acquicole, ossia che svolgono attività di
acquacoltura in maniera esclusiva o prevalente.

REQUISITI DEI RICHIEDENTI

I soggetti richiedenti devono possedere i seguenti requisiti/condizioni:

  • sono iscritti alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura;
  • applicano il contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) di riferimento, nel caso di utilizzo di personale dipendente;
  • non rientrano nei casi di esclusione di cui all'art. 106 del Reg. (UE) n. 966/2012 (vedi paragrafo - 28. Appendice normativa);
  • non rientrano nei casi di inammissibilità previsti dai paragrafi 1 e 3 dell'art. 10 del Reg. (UE) n. 508/2014 (ai sensi del paragrafo 5 del medesimo articolo) (vedi paragrafo 28. Appendice
    normativa);
  • non sono destinatari di provvedimenti di revoca e contestuale recupero del contributo sui programmi SFOP o FEP a fronte dei quali non hanno ancora provveduto alla restituzione delle somme percepite.

REQUISITI DELLE OPERAZIONI

Le operazioni devono rispettare le seguenti condizioni:

  • tutte le operazioni devono concorrere al raggiungimento di una o più delle finalità di cui al paragrafo 2;
  • - le operazioni presentate da un soggetto richiedente che fa il suo primo ingresso nel settore,
    devono essere supportate:
    • · da un piano aziendale;
    • · da una relazione, redatta da un tecnico abilitato, sulla commercializzazione e
      l’esistenza di buone prospettive di mercato sostenibili per il prodotto;
  • per le operazioni che prevedono investimenti superiori a 50.000 Euro, deve essere presentato uno studio di fattibilità, compresa una valutazione ambientale degli interventi, redatto da un tecnico abilitato;
  • le operazioni che prevedono un aumento della produzione e/o ammodernamento delle imprese acquicole esistenti o di costruzione di nuovi impianti acquicoli devono essere coerenti con il piano strategico nazionale pluriennale per lo sviluppo delle attività di acquacoltura (art. 34 Reg. (UE) n. 1380/2013 – allegato VI del Programma Operativo); attività di acquacoltura (art. 34 Reg. (UE) n. 1380/2013 – allegato VI del Programma Operativo);
  • le operazioni proposte non devono produrre una riduzione delle superfici interessate dai siti Natura 2000 e non pregiudicare lo stato di conservazione degli stessi;
  • le operazioni proposte non devono riguardare allevamenti di organismi geneticamente
    modificati (art. 46 paragrafo 4 Reg. (UE) n. 508/2014).

SPESE AMMESSE

Le spese risultano ammissibili se relative ad investimenti organizzati funzionalmente in un progetto ricadente nel Gruppo di appartenenza.

  • Tale aspetto deve risultare in modo dettagliato nella relazione tecnica.

Sono ammissibili solo le spese aventi un legame diretto con la realizzazione della sottomisura e che rispettano le condizioni di ammissibilità, così come definite dalle “Linee guida per l'ammissibilità delle spese del PO FEAMP 2014/2020”.

In particolare, secondo quanto definito nelle medesime Linee guida, la spesa deve essere:

  • pertinente ed imputabile all’intervento ammesso;
  • congrua;
  • effettivamente sostenuta dal beneficiario e comprovata da fatture quietanzate o giustificata da documenti contabili aventi valore probatorio equivalente;
  • sostenuta nel periodo di ammissibilità previsto dal presente Avviso pubblico;
  • tracciabile ovvero verificabile attraverso una corretta e completa tenuta della documentazione;
  • contabilizzata, in conformità alle disposizioni di legge ed ai principi contabili.

I beni acquistati oggetto dell'investimento proposto devono essere nuovi di fabbrica e privi di vincoli ed ipoteche.

PERIODO DI AMMISSIBILITÀ

Non sono selezionate per il sostegno del FEAMP le operazioni portate materialmente a termine o completamente attuate prima che la domanda di finanziamento sia presentata, a prescindere dal fatto che tutti i relativi pagamenti siano stati effettuati dal richiedente.

Sono pertanto ammissibili le spese sostenute dal 26 novembre 2015,

purché riferite ad operazioni in corso al momento della presentazione della domanda.

  • Ogni operazione è considerata in corso al momento della presentazione della domanda quando risultano ancora da realizzare interventi, oggetto della domanda di contributo, che incidono sull’operazione, impedendone uso/utilizzo/funzionalità.

La condizione relativa a uso/utilizzo/funzionalità deve essere dettagliatamente descritta mediante perizia asseverata redatta da un tecnico competente.

CONGRUITÀ DELLA SPESA

SPESE ANCORA DA SOSTENERE

Nel caso di acquisto di macchinari e attrezzature, per la verifica della congruità della spesa dovranno essere allegati almeno tre preventivi di altrettante ditte fornitrici specializzate, riportanti, nel dettaglio, le caratteristiche tecniche e tipologiche del bene, il prezzo di listino ed il prezzo scontato.

  • Nel caso di opere impiantistiche, edilizie e/o lavori di movimento terra, per la verifica della congruità della spesa si fa riferimento al più recente Prezzario della CCIAA di Bologna disponibile o, in subordine, in assenza delle voci pertinenti all'intervento, al Prezzario di cui alla deliberazione della Giunta regionale n. 683/2015 e s.m.i.
  • Per le spese generali, per la verifica della congruità della spesa si dovranno allegare almeno tre preventivi, rilasciati in caso di spese professionali da soggetti indipendenti, riportanti, nel dettaglio, il tipo di prestazione professionale nonché il prezzo.

SPESE GIÀ SOSTENUTE

Ai fini della verifica sulla loro congruità dovrà essere allegata la seguente documentazione:

  • per le spese inerenti le opere edilizie: computo metrico consuntivo, sottoscritto da un tecnico abilitato e dettagliato per singola voce di spesa. Il computo deve riportare i costi effettivamente sostenuti ed il raffronto con il recente Prezzario della CCIAA di Bologna disponibile o, in subordine, in assenza delle voci pertinenti all'intervento, con il Prezzario regionale di cui alla deliberazione della Giunta regionale n. 683/2015 s.m.i.
  • La spesa ammissibile sarà determinata sulla base dell’importo risultante inferiore dalla
    comparazione tra quello del computo metrico consuntivo, quello del prezziario e quello
    effettivamente pagato;
  • per le altre spese, perizia asseverata resa da un tecnico abilitato che attesti la congruità delle stesse ai prezzi di mercato al momento in cui è stata sostenuta la spesa.
  • Contratti/ordini già sottoscritti

SPESE AMMISSIBILI

Al fine del raggiungimento degli obiettivi del programma Feamp nell’ambito delle operazioni previste sono ammissibili le spese di seguito riportate:

Per i progetti afferenti al Gruppo A sono ammissibili quelle relative a:

  • A.1 costruzione e/o ampliamento e/o miglioramento/ di impianti di acquacoltura e maricoltura, per la riproduzione e la crescita dei pesci, crostacei e molluschi o altri organismi marini e di acqua dolce di interesse commerciale;
  • A.2 acquisto di macchinari e attrezzature per impianti di acquacoltura e maricoltura;
  • A.3 interventi per l’adeguamento dei mezzi alle esigenze aziendali (coibentazione/impianti frigoriferi);
  • A.4 acquisto di cassoni coibentati/impianti frigoriferi montati su autoveicoli ovvero acquisto di automezzi dotati di coibentazione e gruppo frigorifero non rimuovibili dalla motrice;
  • A.5 attività complementari di cui al Gruppo A, lettera h, del paragrafo 3:
    - allestimenti e arredi, destinati esclusivamente a tali attività;
    - acquisto di macchinari e attrezzature, destinati esclusivamente a tali attività;
    - opere edili finalizzate a tali attività;
    - interventi per la realizzazione di sale multimediali funzionali alle attività didattiche;
  • A.6 investimenti relativi al commercio al dettaglio svolto dall’impresa quando tale commercio formi parte integrante dell’impresa di acquacoltura.

Per i progetti afferenti al Gruppo B sono ammissibili le spese relative a:

  • B.1 lavori di sistemazione o di miglioramento dei circuiti idraulici all’interno delle imprese acquicole, compreso il riciclo dei rifiuti delle acque;
  • B.2 check-up tecnologici, sperimentazioni;
  • B.3 investimenti per l’installazione di impianti multi-trofici integrati;
  • B.4 investimenti per l’installazione di sistemi a ricircolo;
  • B.5 investimenti per nuove tecnologie di allevamento off-shore e di sistemi di gestione e rilevamento open-sea;
  • B.6 investimenti per l’implementazione di metodi di produzione integrata;
  • B.7 investimenti per la conversione di allevamenti in policoltura;
  • B.8 adesione a sistemi di certificazione ambientale e di ecogestione (ad esempio EMAS);
  • B.9 consulenze specialistiche legate allo sviluppo delle tecnologie.

Per i progetti afferenti il Gruppo C sono ammissibili le spese relative a:

  • C.1 check-up tecnologici, sperimentazioni;
  • C.2 adesione a sistemi di certificazione ambientale e di ecogestione (ad esempio EMAS);
  • C.3 consulenze specialistiche legate allo sviluppo delle tecnologie.

Per tutti i Gruppi sono ammissibili le spese, purché strettamente inerenti il progetto presentato, relative a:

  • 1) realizzazione di impianti che producono energia da fonti rinnovabili per uso esclusivamente aziendale nei limiti del 15% della spesa riconosciuta ammissibile.
    Tali investimenti devono essere realizzati in coerenza con la normativa regionale di settore e sono ammissibili solo se la produzione di energia risulti di potenza non superiore al fabbisogno medio aziendale/anno e solo qualora non sia prevista l’immissione in rete dell’energia prodotta;
  • 2) investimenti (acquisto/ammodernamento) relativi ad imbarcazioni a servizio di impianti, con
    licenza di pesca di V categoria;
  • 3) opere murarie e impiantistiche strettamente inerenti il progetto;
  • 4) prima dotazione di materiali e beni di consumo esclusivamente riferiti agli investimenti richiesti,
    il quantitativo deve essere motivato;
  • 5) studi, indagini, analisi preliminari (ad esempio chimico-fisiche, verifiche strutturali, rilievi geologici);
  • 6) acquisto di attrezzatura informatica, compresi il relativo software specifico/specialistico, se funzionale agli investimenti proposti e i servizi, le tecnologie per l’ingegnerizzazione di software/hardware con esclusione delle attrezzature informatiche e relativi software utilizzati dalle strutture amministrative o contabili dell’impresa;
  • 7) interventi aggiuntivi e di ulteriore miglioramento rispetto ai limiti di legge e alle norme vigenti;
  • 8) spese generali collegate al progetto finanziato, quantificate forfettariamente fino ad una percentuale massima del 12% dell'importo totale delle altre spese ammesse.
    Qualora riferite a più attività devono essere calcolate secondo un metodo pro-quota equo, corretto e debitamente giustificato.
    Tra le spese generali relative alla presente Avviso rientrano, a titolo esaustivo:
    - le spese per consulenza, le parcelle notarili, purché direttamente connesse all’operazione, per la sua preparazione o realizzazione;
    - le spese tecniche di progettazione connesse alla preparazione e/o realizzazione dell’intervento, ammissibili solo se la prestazione è resa da professionisti abilitati;
    - spese per la pubblicizzazione dell’investimento ai sensi dell’art. 115 del Reg. (UE) n. 1303/2013 (targhe esplicative e cartellonistica).

CONTRIBUTO

L'intensità dell’aiuto pubblico per la Misura 2.48 è pari al 50% della spesa totale ammissibile.

Qualora il beneficiario sia un’impresa acquicola che non rientra tra le PMI, l’intensità dell’aiuto pubblico è ridotta di 20 punti percentuali.

LIMITI DI SPESA AMMISSIBILE

Per ogni Gruppo, sono fissati i seguenti limiti di spesa ammissibile:

  • € 25.000,00 quale limite minimo;
  • € 800.000,00 quale limite massimo, fermo restando quanto disponibile per ogni singola sottomisura.

DOMANDA

La domanda di contributo, completa della relativa documentazione, deve essere trasmessa entro il
12/02/2018.

RICERCA CONTRIBUTI

ricerca contributi

CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI


 


 

RESTO AL SUD

RESTO AL SUD INVITALIA


Chiedi informazioni

VOUCHER DIGITALIZZAZIONE DELLE PMI

mise voucher digitalizzazione pmi


Chiedi informazioni


Chiedi informazioni

 

IMPRESE SOCIALI NO PROFIT ONLUS

MISE ECONOMIA SOCIALE

Chiedi informazioni

 

 

 

 

 

 

 

 

.


COLLABORA CON NOI

 

ITALIA CONTRIBUTI HEADER960.LOGO.500

  VI INTERESSANO AGEVOLAZIONI FINANZIARIE DI UN'ALTRA REGIONE?

CHIEDI INFORMAZIONICHIEDI APPUNTAMENTO

VISITA I NOSTRI SITI REGIONALI:

- LombardiaContributi.it

- PiemonteContributi.it

- VenetoContributi.it

- ValledAostaContributi.it

- LiguriaContributi.it

- TrentinoAltoAdigeContributi.it

- FriuliVeneziaGiuliaContributi.it

- EmiliaRomagnaContributi.it

- ToscanaContributi.it

- UmbriaContributi.it

- MarcheContributi.it

- LazioContributi.it

- AbruzzoContributi.it

- MoliseContributi.it

- CampaniaContributi.it

- PugliaContributi.it

- BasilicataContributi.it

- CalabriaContributi.it

- SiciliaContributi.it

- SardegnaContributi.it

PULSANTE.CHIEDI.INFORMAZIONI


 
Logo Italia Contributi
(TM) ITALIA CONTRIBUTI E' UN MARCHIO DEPOSITATO E PROTETTO
Tutti i diritti sono riservati
Vietato riprodurre, copiare o ripubblicare articoli e contenuti senza autorizzazione

CHI È ON LINE

Abbiamo 12724 visitatori e un utente online

RICERCA CONTRIBUTI

RICERCA CONTRIBUTI

ricerca contributi

RESTO AL SUD

RESTO AL SUD

RESTO AL SUD INVITALIA

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

VOUCHER DIGITALIZZAZIONE DELLE PMI

VOUCHER DIGITALIZZAZIONE DELLE PMI

mise voucher digitalizzazione pmi

SERVIZIO CONSULENZA E INFORMAZIONI PERSONALIZZATE IN ABBONAMENTO

chiedi appuntamento 2 Giallo

SEI UN PROFESSIONISTA ESPERTO IN FINANZA AGEVOLATA? COLLABORA CON NOI

COLLABORA CON NOI PIANO 2018

IMPRESE SOCIALI NO PROFIT ONLUS

IMPRESE SOCIALI NO PROFIT ONLUS

MISE ECONOMIA SOCIALE

SEI UN PROFESSIONISTA? TI INTERESSA LA FINANZA AGEVOLATA? SCOPRI L'AFFILIAZIONE IN FRANCHISIG

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

MARCHI+3

MARCHI3 2018 MISE

NUOVI CONTRATTI DI SVILUPPO 4.0

CONTRATTI DI SVILUPPO 4.0

SMART START ITALIA - START UP INNOVATIVE

SMART START ITALIA GIOVANI E DONNE

Banca nazionale delle Terre Agricole

ismea banca nazionale delle terre agricole

INVITALIA NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO

iNVITALIA.NUOVE.IMPRESE.TASSO.ZERO.2017.250

CONTRATTI DI SVILUPPO

CONTRATTI DI SVILUPPO PULSANTE QUADRATO

NUOVA SABATINI 2017-2018

NUOVA SABATINI 2017-2018

NUOVA SABATINI 2017 2018

HORIZON 2020 SME INSTRUMENTS

HORIZON 2020 SME INSTRUMENTS

FONDI EUROPEI PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE

AUTOTRASPORTO CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI 2017

autotrasporto 2017

FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE

ACCORDI PER L'INNOVAZIONE

RICERCA.SVILUPPO ACCORDI PER LINNOVAZIONE.250

PROGRAMMI EUROPEI A GESTIONE DIRETTA

programmi europei a gestione diretta

MIUR: RICERCA E SVILUPPO

MIUR BANDO RICERCA E SVILUPPO SPERIMENTALE

Zona Franca Sisma Centro Italia

MISE.zona franca urbana sisma centro italia

ISMEA NUOVO INSEDIAMENTO GIOVANI IN AGRICOLTURA

ISMEA.NUOVO.INSEDIAMENTO.GIOVANI.AGRICOLTURA LOTTO 3 PROROGA

LOMBARDIA ARTIGIANATO

Lombardia.Artigianato.Investimenti 200

CONTRATTO DI SVILUPPO TUTELA AMBIENTALE

CONTRATTO DI SVILUPPO TUTELA AMBIENTALE

CREDITO DI IMPOSTA 50%

CREDITO DI IMPOSTA 50

SMART & START ITALIA 2017

SMART.E.START.250

IPER E SUPER AMMORTAMENTO

SUPER AMMORTAMENTO E IPER AMMORTAMENTO

BEI LIFE4ENERGY

LIFE4ENERGY.JPG FINANZIAMENTI EFFICIENZA ENERGETICA IMPRES

CONTRATTI DI SVILUPPO PER LA TUTELA AMBIENTALE

MISE TUTELA AMBIENTALE ENERGIA E GAS

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI

PIEMONTE RISPARMIO ENERGETICO ENTI LOCALI PIEMONTESI

PIEMONTE RIDUZIONE CONSUMI ENEGETICI

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

Selfiemployment - Microcredito ai Giovani

SELFIEMPLOIEMENT.GIOVANI.NEED.UNDER.29

CHIEDI INFORMAZIONI

CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO PER DONNE E GIOVANI

INVITALIA.NUOVE.IMPRESE.TASSO.ZERO

Beni Sequestrati alla Criminalità

MISE BENI SEQUESTRATI ALLA CRIMINALITA ORGANIZZATA

Iscriviti alla Newsletter

AGEVOLAZIONI INTERNAZIONALIZZAZIONE E EXPORT

mise.internazionalizzazione

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI


HORIZON 2020 - PON IMPRESE & COMPETITIVITA'

PON 2014 2020 RICERCA SVILUPPO

CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI

CERCA

MICROCREDITO E FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

BENI CULTURALI: IMPRESE CREATIVE

PON.FESR.CULTURA

LIFE (2014-2020) Programma per l’ambiente e l’azione per il clima

AMBIENTE.PROGRAMMA.LIFE

No Profit, Sociale e Volontariato

NOPROFIT.SOCIALE.VOLONTARIATO

Selfiemployment - Microcredito ai Giovani

SELFIEMPLOIEMENT.GIOVANI.NEED.UNDER.29

FINALITA

FONDI BEI: FINAZIAMENTI AGEVOLATI PER PMI

SETTORI

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

CREDITO DI IMPOSTA 45%

CREDITO.DI.IMPOSTA.INVESTIMENTINEL.MEZZOGIORNO 45

CERCA

Patrimonializzazione delle Pmi

Export: inserimento sui mercati esteri

Partecipazione a Fiere

FONDI BEI: FINAZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI

CERCA

Iscriviti alla Newsletter

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI

FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE

Zona Franca Sisma Centro Italia

MISE.zona franca urbana sisma centro italia

RICERCA PERSONALIZZATA CONTRIBUTI

ricerca contributi

SERVIZIO CONSULENZA E INFORMAZIONI PERSONALIZZATE IN ABBONAMENTO

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI