window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'G-7YHD30JE5L'); DISTRETTO PELLI-CALZATURE FERMANO-MACERATESE: dal 27 ottobre 2020 al via le domande per le agevolazioni per le imprese dell’area di crisi industriale - Italia Contributi

MARCHE aree di crisi DISTRETTO FERMO MACERATESEMARCHE: DISTRETTO PELLI-CALZATURE FERMANO-MACERATESE:
al via le agevolazioni per le imprese dell’area di crisi industriale.
Dal 27 ottobre 2020 e fino al 13 gennaio 2021 le imprese del “Distretto delle pelli-calzature Fermano-Maceratese” potranno presentare le domande per richiedere le agevolazioni sul bando 181/89, previste per l’area di crisi industriale complessa.
FINALITÀ: rilanciare le attività industriali, salvaguardare i livelli occupazionali e sostenere programmi di investimento e sviluppo imprenditoriale nel territorio dei comuni appartenenti all’area di crisi.
COMUNI AMMESSI: si tratta di 42 comuni, inseriti nei sistemi Locali del Lavoro di Fermo, Montegiorgio, Montegranaro, Porto Sant’Elpidio e Civitanova Marche, nonché i comuni di Tolentino e Corridonia.
IMPORTO MINIMO INVESTIMENTI AMMISSIBILI: 1 milione di euro; 1,2 milioni di euro nel caso di programmi presentati da Contratti di Rete (minimo 400 mila euro per soggetto partecipante alla rete).
PROGRAMMI AMMISSIBILI, programmi di investimento produttivo diretti: a) alla realizzazione di nuove unità produttive tramite l’adozione di soluzioni tecniche, organizzative e/o produttive innovative rispetto al mercato di riferimento; b) all’ampliamento e/o alla riqualificazione di unità produttive esistenti tramite diversificazione della produzione in nuovi prodotti aggiuntivi o cambiamento fondamentale del processo produttivo complessivo; c) alla realizzazione di nuove unità produttive o all’ampliamento di unità produttive esistenti che eroghino i servizi ammessi; d) all’acquisizione di attivi di uno stabilimento. Inoltre sono ammessi i programmi di investimento per la tutela ambientale.
AGEVOLAZIONI, offerta localizzativa composta da: incentivi nazionali (L.181/89, 15 milioni di € assegnati dal MiSE all’area di crisi); incentivi regionali (incentivi per investimenti produttivi, innovazione e ricerca (9 milioni di € assegnati dalla Regione Marche); politiche attive del lavoro (sostegno all’occupazione e percorsi formativi (5 milioni di € assegnati dalla Regione Marche); aree industriali immediatamente fruibili dagli investitori; infrastrutture; networking con il sistema del credito.
AGEVOLAZIONI DELLA LEGGE 181/89: La legge 181/89 finanzia programmi di investimento produttivo o programmi per la tutela ambientale, completati eventualmente da progetti per innovare l’organizzazione. Finanziabili anche gli investimenti per tutela ambientale, turismo e innovazione organizzativa.
AGEVOLAZIONI FINANZIARIE: Le agevolazioni finanziarie possono coprire fino al 75% dell’investimento ammissibile con contributo a fondo perduto in conto impianti, contributo a fondo perduto alla spesa, finanziamento agevolato.
FINANZIAMENTO AGEVOLATO: è compreso tra il 30% ed il 50% degli investimenti ammissibili; ha una durata massima di 10 anni oltre un periodo di preammortamento, della durata massima di 3 anni, commisurato alla durata del programma.
DOMANDE: dal 27 ottobre 2020 e fino al 13 gennaio 2021

CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO  PULSANTE VERDE CHIARO 210

MARCHE: DISTRETTO PELLI-CALZATURE FERMANO-MACERATESE

 

 

Chiedi informazioni

Chiedi un appuntamento

 

MARCHE: DISTRETTO PELLI-CALZATURE FERMANO-MACERATESE

Il Progetto di Riconversione e Riqualificazione del Distretto Fermano-Maceratese

Il Distretto Pelli-Calzature del Fermano-Maceratese è stato riconosciuto area di crisi industriale complessa per le problematiche legate alla grave crisi che ha colpito il comparto.

FINALITÀ

Rilanciare le attività industriali, salvaguardare i livelli occupazionali e sostenere programmi di investimento e sviluppo imprenditoriale nel territorio dei comuni appartenenti all’area di crisi.

COMUNI AMMESSI

Si tratta di 42 comuni, inseriti nei sistemi Locali del Lavoro di Fermo, Montegiorgio, Montegranaro, Porto Sant’Elpidio e Civitanova Marche, nonché i comuni di Tolentino e Corridonia.

area di crisi 42 comuni


IMPORTO MINIMO INVESTIMENTI AMMISSIBILI

1 milione di euro; 1,2 milioni di euro nel caso di programmi presentati da Contratti di Rete (minimo 400 mila euro per soggetto partecipante alla rete).

PROGRAMMI AMMISSIBILI

Programmi di investimento produttivo diretti:

  • a) alla realizzazione di nuove unità produttive tramite l’adozione di soluzioni tecniche, organizzative e/o produttive innovative rispetto al mercato di riferimento;
  • b) all’ampliamento e/o alla riqualificazione di unità produttive esistenti tramite diversificazione della produzione in nuovi prodotti aggiuntivi o cambiamento fondamentale del processo produttivo complessivo;
  • c) alla realizzazione di nuove unità produttive o all’ampliamento di unità produttive esistenti che eroghino i servizi ammessi;
  • d) all’acquisizione di attivi di uno stabilimento.
  • Inoltre sono ammessi i programmi di investimento per la tutela ambientale.

SPESE AMMISSIBILI

In riferimento ai programmi di investimento produttivo sono ammissibili le spese relative all’acquisto e alla realizzazione di immobilizzazioni nonché l’acquisizione di attivi di uno stabilimento nella misura necessaria alle finalità del programma, sostenute dall’impresa a decorrere dalla data di presentazione della domanda e assimilate e infrastrutture specifiche aziendali;

Dette spese riguardano:

  • a) suolo aziendale e sue sistemazioni;
  • b) opere murarie e assimilate e infrastrutture specifiche aziendali;
  • c) macchinari, impianti ed attrezzature varie;
  • d) programmi informatici dedicati esclusivamente all’utilizzo dei beni di cui alla lettera c), commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa;
  • e) immobilizzazioni immateriali, così come individuate all’art. 2, punto 30, del Regolamento GBER;
  • f) beni strumentali, materiali e immateriali, funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa secondo il modello “Impresa 4.0”, ivi compresi i beni che utilizzano le tecnologie di Intelligenza Artificiale, Blockchain e Internet of Things

AGEVOLAZIONI

OFFERTA LOCALIZZATIVA COMPOSTA DA: 

  • incentivi nazionali (L.181/89, 15 milioni di € assegnati dal MiSE all’area di crisi);
  • Incentivi regionali (incentivi per investimenti produttivi, innovazione e ricerca (9 milioni di € assegnati dalla Regione Marche); 
  • politiche attive del lavoro (sostegno all’occupazione e percorsi formativi (5 milioni di € assegnati dalla Regione Marche); 
  • aree industriali immediatamente fruibili dagli investitori;
  • infrastrutture; 
  • networking con il sistema del credito.

AGEVOLAZIONI DELLA LEGGE 181/89

La legge 181/89 finanzia programmi di investimento produttivo o programmi per la tutela ambientale, completati eventualmente da progetti per innovare l’organizzazione. 

  • Finanziabili anche gli investimenti per tutela ambientale, turismo e innovazione organizzativa.

AGEVOLAZIONI FINANZIARIE

Le agevolazioni finanziarie possono coprire fino al 75% dell’investimento ammissibile con contributo a fondo perduto in conto impianti, contributo a fondo perduto alla spesa, finanziamento agevolato.

FINANZIAMENTO AGEVOLATO

E' compreso tra il 30% ed il 50% degli investimenti ammissibili; ha una durata massima di 10 anni oltre un periodo di preammortamento, della durata massima di 3 anni, commisurato alla durata del programma.

L.181 AGEVOLAZIONI.100


DOMANDE

Dal 27 ottobre 2020 e fino al 13 gennaio 2021

 

CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO  PULSANTE VERDE CHIARO 210
 
Logo Italia Contributi
®ITALIA CONTRIBUTI E' UN MARCHIO REGISTRATO E PROTETTO
Tutti i diritti sono riservati
Vietato riprodurre, copiare o ripubblicare articoli e contenuti senza autorizzazione
 
 
 
 
 
 
 

 

CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO  PULSANTE VERDE CHIARO 210