Piemonte.fesrLa Regione Piemonte ha pubblicato il bando del Fondo agevolazioni per le MPMI e ha costituito il Fondo rotativo di finanza agevolata "Fondo Pmi".

L’obiettivo della Misura è quello di sostenere gli investimenti di micro, piccole, medie imprese finalizzati all’introduzione di innovazioni nel processo produttivo, che portino o alla trasformazione radicale per la produzione di nuovi prodotti o al miglioramento dell’efficienza complessiva.

Si tratta di finanziamento agevolato alle PMI fino a copertura del 100% delle spese ammissibili, così composto:

1) Programmi di investimento non prioritari, 50% con fondi regionali, a tasso zero (fino ad un massimo di € 750.000) + 50 % con fondi bancari, a tasso convenzionato.
2) Programmi di investimento prioritari,massimo 70% con fondi regionali, a tasso zero (fino ad un massimo di € 1.000.000) + restante quota con fondi bancari, a tasso convenzionato.

Domande a partire dal 1 febbraio 2016 fino ad esaurimento fondi. Chiedi informazioni


logobisbordino

Chiedi un Appuntamento a Milano

Chiedi un appuntamento in altre citta'

Chiedi informazioni

Chiedi una Pre-Fattibilità

PIEMONTE - POR FESR 2014/2020 ASSE III -
Azione iii.3c.1.1


FONDO AGEVOLAZIONI PER LE PMI


FINALITÀ
L’obiettivo della Misura è quello di sostenere gli investimenti di micro, piccole, medie imprese finalizzati ll’introduzione di innovazioni nel processo produttivo, che portino o alla trasformazione radicale per la produzione di nuovi prodotti o al miglioramento dell’efficienza complessiva.


BENEFICIARI
Micro, piccole, medie imprese (MPMI) iscritte al registro dalle imprese che:

 

  • non siano nelle condizioni previste per l’apertura di una procedura concorsuale per insolvenza
  • alla data di erogazione del finanziamento abbiano la sede destinataria dell’investimento attiva in Piemonte
  • abbiamo nella sede destinataria dell’investimento un codice Ateco 2007 compreso tra quelli indicati nel Bando (nel caso di nuove imprese l’attivazione del codice Ateco 2007 ammissibile relativo alle nuova sede dell’investimento potrà essere dimostrata in occasione della rendicontazione finale dell’investimento)

Possono accedere anche:

  • Micro, piccole, medie imprese neo-costituite, con processo produttivo esistente o costituite tramite conferimento d’azienda o i cui soci siano imprese con processi produttivi attivi e consolidati.
  • Cooperative di produzione e lavoro aventi dimensioni di MPMI (ad esclusione delle cooperative sociali di servizi alla persona – tipologia A).
  • Consorzi di produzione, Società Consortili ad esclusione dei Consorzi di tutela e di servizi

 

SETTORI AMMESSI

ELENCO DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE AMMISSIBILI

SEZIONE CLASSIFICAZIONE ATECO CODICI AMMESSI CODICI ESCLUSI
B ‐ Estrazione di minerali da cave e miniere (codici da 5 a 9.90.09)

6.10

6.20

7.21

8.11

8.12

8.91

8.93

8.99

9.10

9.90

 tutti eccetto gli ammessi
C ‐ Attività manifatturiere (codici da 10 a 33.20.09)

 tutti eccetto gli esclusi

Il codice 10.83.02 è ammesso solo per quanto riguarda la lavorazione del tè

Per i codici 10.85.0 e 10.89.0 è esclusa la fabbricazione di aceto, lievito, uova in polvere o ricostituite

 10.1

10.2

10.31

10.32

10.39

10.4

10.51

10.6

10.81

10.84

10.91

11.02

11.03

11.06

 D ‐ Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (codici da 35 a 35.30.00)

tutti eccetto gli esclusi 

35.14

35.23

 E ‐ Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento (codici da 36 a 39.00.09) tutti   nessuno
 F – costruzioni (codici da 41 a 47.99.20) tutti   nessuno
 H ‐ Trasporto e magazzinaggio (codici da 49 a 53.20.00)

52.21.4

52.29.2 

 tutti eccetto gli ammessi
 J‐ Servizi di informazione e comunicazione (codici da 58 a 63.99.00)

 58.1

58.2

59.11

59.12

59.2

60

61

62

63.11

tutti eccetto gli ammessi 
M‐ attività professionali, scientifiche e tecniche (codici da 69 a 75.00.00)

71.2

72

74.10.1

74.10.2

74.10.9

tutti eccetto gli ammessi
Sezioni A – G – I – K – L – N – O – P – Q – R – S – T nessuno tutti

 


SPESE AMMISSIBILI


Spese sostenute dopo la presentazione telematica della domanda, relative a:

  • macchinari e attrezzature di nuova fabbricazione
  • impianti strumentali al progetto e opere murarie necessarie alla messa in funzione degli stessi, nel limite del 20% del totale ammesso
  • servizi di consulenza, nel limite del 20% del totale ammesso
  • licenze, brevetti, know-how, nel limite del 10% del totale ammesso

Non sono ammessi beni usati, leasing, spese in economia


Maggiorazioni

  • Possesso del rating di legalità
  • Miglioramento delle prestazioni ambientali del ciclo produttivo
  • Miglioramento dell’efficienza energetica nel ciclo produttivo
  • Miglioramento del livello di sicurezza nei luoghi di lavoro oltre lo standard obbligatorio
  • Conclusione degli investimenti in 6 mesi dalla data di concessione

 

INIZIATIVE AMMISSIBILI


LINEA 2.2.1 LINEA A MICRO E PICCOLE IMPRESE

 

  • Investimenti di importo minimo di 50.000 euro e durata massima di 12 mesi dalla data di concessione
  • ESL massimo concedibile 10%, che sale al 20% se l’impresa è insediata in uno dei Comuni in area 107.3.c

 

LINEA2.2.2 LINEA B MEDIE IMPRESE

  • Investimenti di importo minimo di 250.000 euro e durata massima di 12 mesi dalla data di concessione 
  • ESL massimo concedibile 20%, che sale al 30% se l’impresa è insediata in uno dei Comuni in area 107.3.c

 

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE


Finanziamento agevolato fino a copertura del 100% delle spese ammissibili, così composto:

PROGRAMMI DI INVESTIMENTO NON PRIORITARI

  • 50 % con fondi regionali, a tasso zero (fino ad un massimo di € 750.000);
  • 50 % con fondi bancari, a tasso convenzionato

 

PROGRAMMI DI INVESTIMENTO PRIORITARI

(secondo tabella del bando, 1 o più premialità)

  • Massimo 70 % con fondi regionali, a tasso zero (fino ad un massimo di € 1.000.000);
  • Restante quota con fondi bancari, a tasso convenzionato


DOMANDA


LE DOMANDE DEVONO ESSERE PRESENTATE VIA INTERNET

DALLE ORE 9 DEL 1 FEBBRAIO 2016

 

 

MAGGIORI INFORMAZIONI

.

RICHIEDI