Tutte le agevolazioni finanziarie per le Piccole e Medie Imprese

- CLICCA SUL TITOLO DI CIASCUN ARTICOLO PER LEGGERE TUTTO.


- REGISTRATI GRATUITAMENTE CLICCANDO QUI


- PER RICHIEDERE INFORMAZIONI CLICCA QUI

  • DALLA BEI 600 MILIONI ALLE IMPRESE ITALIANE ATTRAVERSO IL BANCO POPOLARE

    fondi.bei.200BEI-Banco Popolare: 600 milioni alle imprese italiane. Si rafforza la partnership a sostegno di Pmi e Mid-Cap: 1,8 miliardi nell’ultimo triennio.

    Il 16 Aprile 2015, con due distinti accordi, firmati a Roma, per complessivi 600 milioni di euro, tra la Banca europea per gli investimenti (BEI) e il gruppo Banco Popolare che hanno rafforzato la collaborazione finalizzata al sostegno dell’economia italiana. Si tratta di 400 milioni a favore dei progetti avanzati dalle Pmi (fino a 250 dipendenti) e 200 milioni destinati alle imprese Mid-cap (tra 250 e 3.000 dipendenti). Grazie a questi nuovi accordi, negli ultimi tre anni la finanza della BEI veicolata in Italia attraverso il Banco Popolare è stata di 1,8 miliardi di euro. 

    Alle PMI italiane sono destinati 400 milioni di euro, con impiego di fondi BEI a condizioni di particolare favore e i finanziamenti sono destinati al finanziamento sia di nuovi investimenti sia di quelli in corso, purché non ancora ultimati.

    Sono ammessi gli interventi, relativi ad aziende attive in tutti i settori produttivi, per acquisto, costruzione, ampliamento e ristrutturazione di fabbricati; acquisto impianti, attrezzature, automezzi o macchinari; spese, gli oneri accessori e immobilizzazioni immateriali, incluse le spese di ricerca, sviluppo e innovazione; capitale circolante legata all’attività operativa.

    La nuova misura prevede finanziamenti agevolati con tempi di struttoria molto rapidi. Sportello aperto fino ad esaurimento fondi. Cliccate qui per maggiori informazioni.

  • Accordo BEI - UniCredit: 300 milioni di euro per le imprese italiane

    FONDI.BEIBanca Europea per gli Investimenti (BEI) ha concesso il 15 aprile 2015 due nuove linee di finanziamento, per un ammontare complessivo di 300 milioni di euro, destinate alle imprese italiane dei settori  produttivi e dei servizi. 150 milioni di euro saranno destinati alle PMI per finanziare investimenti in beni materiali e immateriali ovvero in capitale circolante, mentre gli ulteriori 150 milioni saranno destinati  alle imprese fino a 3.000 dipendenti che promuovano l'occupazione giovanile (fino a 29 anni di età) e al contempo eseguano investimenti materiali e immateriali ovvero finanzino il capitale circolante.

    Queste due linee di finanziamento concesse dalla BEI, che potranno avere durata compresa fra i due e i dodici anni e un taglio massimo di 25 milioni di euro, verranno trasferite alle imprese attraverso UniCredit e UniCredit Leasing.

    A questi due plafond si potrebbe aggiungere una ulteriore tranche di 200 milioni di euro, con caratteristiche similari, da rendere disponibile nei prossimi mesi. Maggiori informazioni.

  • Fondi Europei: Guida per i Fondi strutturali e di investimento europei e relativi strumenti UE

    synergies beneficiariesDisponibile On Line la guida pubblicata dalla Commissione europea per beneficiari dei Fondi Ue. La Guida non intende fornire una descrizione esaustiva di tutti i fondi UE disponibili, ma si basa sul quadro strategico comune (allegato 1 al regolamento (UE) n. 1303/2013), che favorisce un migliore coordinamento tra i Fondi SIE e gli altri strumenti UE.

    Per ciascun Obiettivo tematico (OT) identificato dal regolamento sui Fondi SIE, la guida fornisce una panoramica degli strumenti complementari disponibili a livello UE, comprensiva di dettagli sulle fonti di informazione, esempi di buone pratiche inerenti alla combinazione di diversi canali di finanziamento, oltre a illustrare le autorità competenti e gli enti coinvolti nella gestione di ciascuno strumento.

    I collegamenti forniti all’interno del documento consentiranno ai potenziali beneficiari di orientarsi nel labirinto del materiale disponibile online, consentendo loro di accedere ai documenti e ai siti Web più immediati e utili. Per aiutare i potenziali beneficiari a identificare le fonti più appropriate sui fondi, è disponibile anche una lista di controllo in linea. Cliccate qui per maggiori informazioni.

  • Fondi Europei: Guida per i Fondi strutturali e di investimento europei e relativi strumenti UE

    synergies beneficiariesDisponibile On Line la guida pubblicata dalla Commissione europea per beneficiari dei Fondi Ue. La Guida non intende fornire una descrizione esaustiva di tutti i fondi UE disponibili, ma si basa sul quadro strategico comune (allegato 1 al regolamento (UE) n. 1303/2013), che favorisce un migliore coordinamento tra i Fondi SIE e gli altri strumenti UE.

    Per ciascun Obiettivo tematico (OT) identificato dal regolamento sui Fondi SIE, la guida fornisce una panoramica degli strumenti complementari disponibili a livello UE, comprensiva di dettagli sulle fonti di informazione, esempi di buone pratiche inerenti alla combinazione di diversi canali di finanziamento, oltre a illustrare le autorità competenti e gli enti coinvolti nella gestione di ciascuno strumento.

    I collegamenti forniti all’interno del documento consentiranno ai potenziali beneficiari di orientarsi nel labirinto del materiale disponibile online, consentendo loro di accedere ai documenti e ai siti Web più immediati e utili. Per aiutare i potenziali beneficiari a identificare le fonti più appropriate sui fondi, è disponibile anche una lista di controllo in linea. Cliccate quì per maggiori informazioni.

  • TOSCANA: dal 11 maggio le domande per il sostegno alla liquidità dei settori turismo e commercio

    fondogaranziaToscanaLa Regione Toscana intende agevolare l’accesso al credito per la liquidità delle imprese con l’obiettivo di favorire la competitività del sistema produttivo regionale ed ha approvato il Regolamento Fondo di garanzia Sezione 4 "Sostegno alla liquidità delle PMI dei settori turismo e commercio". 

    In particolare, l’obiettivo perseguito dalla Regione Toscana, in attuazione del PRSE 2012-2015, consiste nella concessione di garanzie su finanziamenti a fronte di liquidità delle imprese dei settori: 
    Commercio all’ingrosso e al dettaglio, rasporto e magazzinaggio, Attività di alloggio e ristorazione, Servizi di informazione e comunicazione, Attività professionali, scientifiche e tecniche, Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese, 
    Istruzione, Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento, Altre attività di servizi.

    L’importo massimo per singolo finanziamento è pari a € 150.000. Trattasi di procedura valutativa a sportello e l’intervento è attuato ai sensi del«de minimis».  Le richieste di garanzia sono presentate dalle imprese richiedenti dal 11.05.2015, fino ad esaurimento della dotazione del fondo. La garanzia deve essere richiesta per operazioni non ancora deliberate dai soggetti finanziatori. Cliccate quì per maggiori informazioni.

  • LOMBARDIA: nuova Operazione Credito InCassa B2B ulteriori agevolazioni alle imprese lombarde

    CREDITO.IN.CASSA2Con la nuova Operazione Credito InCassa B2B, Regione Lombardia e Finlombarda S.p.A. introducono ulteriori agevolazioni a favore delle micro, piccole, medie e grandi imprese lombarde.

    Si tratta di una nuova linea di intervento denominata “Credito In-Cassa B2B”, finalizzata allo smobilizzo dei crediti vantati dalle micro, piccole, medie e grandi imprese lombarde verso altre imprese o altre tipologie di soggetto debitore, ad esclusione degli Enti Locali.
    L’operazione Credito In-Cassa B2B si articola in due Sottomisure: “liquidità alle mpmi” e “liquidità alle grandi imprese”. 

    La sottomisura A: Fondo di Garanzia per l’accesso delle micro, piccole e medie imprese lombarde a finanziamenti finalizzati allo smobilizzo dei crediti commerciali (attuali e futuri) vantati nei confronti di altre imprese.
    La sottomisura B agevola, lo smobilizzo dei crediti commerciali vantati dalle Grandi Imprese lombarde nei confronti di altre imprese, mediante lo strumento del factoring pro-soluto. 
    Regione Lombardia mette a disposizione 9,5 milioni di euro (tramite il Fondo Contributi, in condivisione con l’Iniziativa Credito In-Cassa) per l’abbattimento degli oneri connessi alle operazioni di smobilizzo di crediti commerciali delle grandi imprese. Scadenza 15 ottobre 2015. Cliccate quì per maggiori informazioni.
  • Piccole e medie imprese editoriali: Fondo di garanzia per le PMI, dal 31 marzo è operativa la Sezione speciale per l’editoria

    images/AGEVOLAZIONI/MISE/editoria.jpgÈ operativa la Sezione Speciale "Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per l'informazione e l'editoria" che è costituita al fine di favorire l'utilizzo della garanzia del Fondo a favore delle piccole e medie imprese editoriali di tutto il territorio nazionale che realizzano investimenti in innovazione tecnologica e digitale. 

    L'operatività della Sezione Speciale riguarda gli interventi di Garanzia diretta, di Cogaranzia e di Gontrogaranzia a copertura di operazioni finanziarie finalizzate aìlla realizzazione di investimenti in innovazione tecnologica e digitale, concessi a favore di piccole e medie imprese che svolgono le seguenti attività: edizione di libri, edizione di quotidiani, edizione di riviste e periodici, trasmissioni radiofoniche, attività di programmazione e trasmissionitelevisive, attività delle agenzie di stampa. La sezione è attiva dal 31/03/2015. Chiedi informazioni

  • MARCHE: Nuovi Bandi POR FESR 2014-2020: Innovazione, ricerca e ICT

    crescimarcheLa regione Marche ha approvato i primi Bandi che saranno operativi subito dopo l’approvazione del Piano Finanziario del Programma da parte del Consiglio Regionale.
    Si tratta di fondi pari a 337 milioni di euro finalizzati a promuovere la competitività e lo sviluppo sostenibile del territorio.
    Le domande di accesso ai benefici potranno, pertanto, essere presentante solo dopo la formale approvazione dei bandi e la loro pubblicazione sul BURM.
    Sono previsti contributi a fondo perduto e agevolazioni per incentivare ricerca industriale e sviluppo sperimentale, innovazione aziendale e introduzione di ICT nelle imprese, e favorire la partecipazione delle micro, piccole e medie imprese ai programmi comunitari a gestione diretta della commissione europea. Maggiori informazioni

  • DALL'EUROPA E DALLA BEI NUOVI PRESTITI AGEVOLATI PER L’EFFICIENZA ENERGETICA

    fondi.bei.200La Commissione Europea e la BEI istituscono due nuovi strumenti finanziari per supportare progetti di efficienza energetica e biodiversità, fra i target i progetti delle PMI. 
    Si tratta di nuovi strumenti agevolativi per finanziare le PMI che investono nell’ambiente, in progetti diefficienza energetica e biodiversità. Previsti finanziamenti agevolati e contributi per progetti fino a 15 milioni di euro.
    Il Private Finance for Energy Efficiency (PF4EE) prevede finanziamenti per un totale di 80 milioni di euro per il triennio 2014-2017, si rivolge in particolare a PMI, privati e Comuni che investono nell’efficienza energetica. I prestiti vengono erogati attraverso le banche e possono variare da 40mila a 5 milioni di euro, con importi anche più consistenti in alcuni casi particolari.
    Il "Natural Capital Financing Facility (NCFF)", ha un  budget fra i 100 e i 125 milioni di euro fino al 2017. I  finanziamenti servono a sostenere progetti legati a infrastrutture verdi, conservazione ecosistemi, adattamento climatico. Beneficiari sonoimprese, enti pubblici e privati, proprietari terrieri, per progetti fra i 5 e i 15 milioni di euro. Chiedi informazioni

  • Il Ministro ha firmato il decreto per il "Nuovo Microcredito": domande dai primi di Aprile

    microcredito.200Il Ministro dello sviluppo economico Federica Guidi ha firmato il decreto ministeriale con cui viene data operatività alle misure previste per il fondo di garanzia per le piccole e medie imprese in relazione alle operazioni di microcredito.
    Il provvedimento, che integra quanto già previsto nel dicembre dello scorso anno, consentirà di presentare la richiesta di prenotazione della garanzia, in via telematica
    La prenotazione della garanzia resterà valida per i 5 giorni lavorativi successivi in attesa che l’interessato presenti il proprio progetto da finanziare al soggetto finanziatore – operatore del microcredito, istituto bancario o intermediario finanziario - che dovrà concludere la pratica entro 60 giorni.  
    Gli imprenditori potranno prenotare direttamente la garanzia sul sito istituzionale del fondo centrale di Garanzia, prima di recarsi da uno degli operatori del microcredito che opereranno prossimamente sul mercato. Lo strumento agevolativo prevede cheil fondo di Garanzia conceda una garanzia pari all’80% per operazioni di microcredito fino a 35 mila euro.
    Beneficiari gli autonomi, le micro imprese i professionisti e gli imprenditori individuali che vogliono intraprendere una nuova attività.In questo modo, attraverso una procedura telematica semplice, si è voluta assicurare una diretta accessibilità alle opportunità offerte dalla garanzia alle operazioni di microcredito.
    La sezione del Fondo centrale di garanzia dedicata al microcredito dispone di risorse pari a trenta milioni di euro, stanziate dal Ministero dello sviluppo economico, a cui si aggiungono i versamenti volontari tra cui quelli operati dai parlamentari del gruppo del Movimento5Stelle
    Il decreto è stato inviato alla Corte dei conti per la registrazione e la successiva pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale a seguito della quale saranno adottate le disposizioni operative ed avviate le operazioni. Cliccate quì per maggiori informazioni.

  • LOMBARDIA: CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE LOMBARDE DEL SETTORE TURISMO E COMMERCIO

    Lombardia bando concreta

    “Lombardia Concreta” è un’iniziativa che intende sostenere il sistema delle imprese lombarde che operano nel settore dell’accoglienza turistica alberghiera ed extra alberghiera, dei pubblici esercizi (bar e ristoranti) e del commercio alimentare al dettaglio, per la realizzazione di interventi di riqualificazione delle strutture e per progetti di miglioramento qualitativo dei servizi offerti in vista di Expo 2015.
    Finlombarda in qualità di soggetto gestore opera in concorso a Regione Lombardia nel pagamento degli interessi sulle operazioni di credito effettuate dagli Istituti di Credito a favore delle imprese commerciali e turistiche destinatarie del presente bando.
    Il programma Lombardia Concreta prevede anche l’attivazione del “Fondo plafond a copertura rischi per garanzie rilasciate a favore delle pmi del settore commercio e turismo”.  

    L’importo di tali finanziamenti dovrà essere compreso tra 30.000,00 e 1.000.000,00 euro.

    Beneficiari sono leMicro, Piccole e Medie imprese operanti nel settore Turismo e leMicro e Piccole imprese operanti nel settore Commercio. Importo finanziato fino al 100% della spesa. Erogazione del finanziamento in unica soluzione. Durata del finanziamento concesso fino a 7 anni. Eventuale pre ammoratamento senza restituzione delle rate fino a 2 anni.

    Le domande possono essere presentate secondo la modalità “a sportello” e fino a esaurimento dei fondi disponibilI. Cliccate quì per maggiori informazioni.

  • NUOVO MICROCREDITO: domande dai primi di aprile per finanziamenti senza garanzie fino a 35.000 euro

    microcredito.200Click day a inizio aprile per il microcredito PMI, finanziamenti fino a 35mila euro, anche per autonomi e professionisti, attraverso il Fondo di Garanzia PMI, rimborsabili in 7-10 anni. La misura è valida per tutto il territorio nazionale.

    Il Ministero dello Sviluppo economico sta completando, con alcune importanti novità, il quadro normativo per l’avvio della garanzia delle operazioni di microcredito. In particolare, in base alle novità che si stanno apportando in questi giorni, gli imprenditori interessati alla misura potranno prenotare direttamente la garanzia, sul sito istituzionale del Fondo centrale vigilato dal Ministero, prima di recarsi da uno degli operatori del microcredito che opereranno prossimamente sul mercato. Le novità saranno contenute in un nuovo decreto, che sarà pronto all’inizio della prossima settimana.

    Lo strumento prevede la possibilità che il Fondo conceda la garanzia fino all’80% per operazioni di microcredito fino a 25 mila euro. La sezione del Fondo centrale di garanzia dedicata al microcredito dispone di risorse pari a trenta milioni di euro, stanziate dal Ministero dello sviluppo economico, a cui si aggiungono i versamenti volontari tra cui quelli operati dai parlamentari del gruppo del Movimento5Stelle.

    Saranno previsti finanziamenti fino a 35 mila euro, rimborsabili dai sette ai 10 anni. Benficiari gli autonomi, le PMI, le Micro imprese, ma anche i professionisti, e gli imprenditori individuali che vogliono intraprendere una nuova attività.

    Per accedere al Bando Microcredito PMI sarà fissato un click day all’inizio del prossimo mese di aprile.

    Chiedi Informazioni

  • PUGLIA: Pubblicato il Nuovo Microcredito d'Impresa, ora MicroPrestito

    Puglia.MicroprestitoPUGLIA: Pubblicato il Nuovo Microcredito d'Impresa. Importanti novità per il Microcredito d'Impresa della Puglia. Sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 30 del 26 febbraio 2015 è stato pubblicato il nuovo Bando. Si tratta dello strumento che concede un prestito fino a 25 mila euro alle microimprese pugliesi non bancabili. Tra le novità l’apertura alle imprese del commercio e l’innalzamento del parametro di fatturato annuo massimo previsto per l’accesso al fondo. Queste le principali novità.

    • La Misura cambia la sua denominazione, non essendo più attutata nell'ambito del quadro normativo previsto dall'Art. 111 del Testo Unico Bancario, si chiamerà MicroPrestito.
    • Possono accedere ai finanziamenti anche le imprese del commercio a condizione che siano operative da almeno 24 mesi e che abbiano avuto, negli ultimi 12 mesi, un fatturato minimo di 60.000 euro.
    • Possono accedere ai finanziamenti anche le s.r.l. ordinare.
    • Sono considerate non bancabili le imprese con un fatturato massimo, negli ultimi 12 mesi, di 240.000 euro.
    • In alternativa alla Garanzia morale è possibile produrre una "Presentazione tecnica" elaborata da un'organizzazione imprenditoriale o da un'organizzazione sindacale. Chiedi informazioni
  • Dalla Cassa Depositi e Prestiti stanziati nuovi fondi a sostegno delle imprese per export e internazionalizzazione

    CDPLa Cassa depositi e prestiti comunica che il Consiglio di amministrazione della società ha approvato una serie di misure che rafforzano sensibilmente l’impegno di CDP a sostegno dell’export e dell’internazionalizzazione delle imprese italiane.

    Il Cda ha previsto un aumento significativo (+130%) delle risorse dedicate al settore, che passano dai 6,5 miliardi di euro attuali a 15 miliardi di euro.

    Grazie agli interventi già attivati negli ultimi anni da Cassa, l'Italia si è avvicinata ai Paesi europei più all’avanguardia in termini di incidenza del supporto all'export. Esistono, tuttavia, significative opportunità di ampliamento che, con le misure adottate, verranno colte: vengono infatti aumentate significativamente le risorse dedicate al settore da CDP, dai 6,5 miliardi di euro attuali a 15 miliardi di euro (+130%). CDP interverrà in manierà differenziata per operazioni di finanziamento fino a 25 milioni fornendo la provvista necessaria direttamente al sistema bancario e per operazioni di importo superiore intervenendo direttamente nelle operazioni stesse a afavore delle imprese. Maggiori informazioni

  • Contributi per il Made in Italy: firmato il Decreto,ora la misura agevolativa per le imprese entra nel vivo

    MADE.IN.ITALYEntra nel vivo piano straordinario Made in Italy da 260 milioni.
    Si tratta del Piano per la promozione straordinaria del Made in Italy e l’attrazione degli investimenti in Italia per il quale sono stati stanziati 260 milioni di euro e il cui decreto di attuazione è stato appena firmato dal Ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi.

    Obittivi del piano sono valorizzare l’immagine del Made in Italy nel mondo, ampliare il numero delle imprese, in particolare le Pmi, che operano sul mercato globale, espandere le quote italiane del commercio internazionale che hanno visto la bilancia commerciale chiudersi l’anno scorso con un avanzo record di 42,9 miliardi di euro (il miglior risultato in Europa dopo la Germania) e sostenere le iniziative di attrazione degli investimenti esteri in Italia.

    Sono previste diverse azioni a supporto delle PMI italiane e a supporto degli investimenti esteri in Italia.

    Individuati anche i principali paesi all'estero versi cui focalizzare gli interventi agevolati. Clicca quì per maggiori informazioni.

  • Nuova Sabatini: ancora disponibile il 69% dei fondi per le imprese che vogliono investire in beni strumentali

    nuovasabatini febb2015rev2

    Nuova Sabatini: ancora disponibile il 69% dei fondi per le imprese che vogliono investire in beni strumentali.

    Lo strumento agevolativo definito in breve “Beni strumentali – Nuova Sabatini”, istituito dal decreto-legge del Fare (art. 2 decreto-legge n. 69/2013), è finalizzato ad accrescere la competitività del sistema produttivo del Paese e migliorare l’accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese (PMI) per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature. Sono previste diverse agevolazioni finanziarie per le imprese e tempi rapidi di istruttoria delle pratiche. Cliccate qui per maggiori informazioni

  • Credito Adesso e Credito in Cassa: agevolazioni finanziarie per le imprese che vogliono incassare subito i propri crediti commerciali

    CREDITO.IN.CASSACREDITO ADESSO (500 milioni di euro) è lo strumento per finanziare il fabbisogno di capitale circolante connesso all’espansione commerciale ora rinnovato per rispondere sempre più concretamente alle esigenze delle imprese del territorio, ampliando il target dei beneficiari, introducendo soglie di accesso più basse e semplificate, prevedendo condizioni ancora più favorevoli, incrementando la quota di finanziamento, dando la possibilità di richiedere più di un finanziamento.Ad oggi sono stati concessi finanziamenti per oltre 316 milioni di euro, a favore di circa 1.340 imprese, a testimonianza del sostegno concreto alle PMI, grazie a uno strumento dinamico grado di rispondere alle esigenze e necessità del territorio che di volta in volta emergono. Bando aperto, domande a sportello.

    CREDITO IN-CASSA: la misura approvata da Regione Lombardia per sbloccare i crediti vantati dalle imprese nei confronti delle Pubbliche amministrazioni, si estende ora anche ai crediti traimprese con l'istituzione di una nuova linea di intervento ('Credito In-Cassa B2B'), finalizzata appunto a smobilizzare i crediti vantati dalle imprese verso altre imprese. Bando aperto, domande a sportello.

    TUTTE LE ALTRE REGIONI:per le imprese aventi sede nelle altre Regioni diverse dalla Lombardia sono disponibili diverse agevolazioni per l'anticipazione immediata sia dei crediti commerciali sia verso altre imprese che verso enti pubblici. Maggiori informazioni

  • Piemonte, Cooperative sociali. L.R. 18/94.

    PIEMONTE.COOPERATIVE.SOCIALIPiemonte, Cooperative sociali. L.R. 18/94.

    L’obiettivo della misura è quello di favorire lo sviluppo e la promozione della cooperazione sociale sul territorio regionale piemontese.
    Beneficiari sono le cooperative sociali e consorzi iscritti all’albo regionale, con sede legale, amministrativa e prevalente in Piemonte.
    Iniziative ammissibili sono le spese sostenute dopo la presentazione della domanda o, nel caso di nuove cooperative, entro i sei mesi precedenti. sono ammesse spese per investimenti produttivi, investimenti immobiliari e spese in conto gestione. Sono ritenuti ammissibili anche i beni usati.

    L'agevolazione consiste in finanziamenti agevolati e fondo di garanzia.

    Importo: compreso tra € 15.000 ed € 400.000. Copertura delle spese: fino al 100%.
    Restituzione: 10 anni (senza preammortamento) per gli investimenti immobiliari e per il titolo di concessione del servizio, 6 anni (senza preammortamento) per gli investimenti produttivi , 4 anni (senza preammortamento) per la realizzazione di spese in conto gestione.

    Vengono considerate prioritarie le domande di finanziamento presentate dai seguenti soggetti: cooperative di nuova costituzione che svolgono attività diverse agricole, industriali, commerciali o di servizi, finalizzate all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate; cooperative che apportino un incremento occupazionale.

    La misura è operativa dal 20 gennaio 2014 e i fondi sono disponibili. Chiedi informazioni

  • TOSCANA: turismo, commercio, cultura e terziario garanzie alle PMI per finanziamenti fino a 1.500.000

    PMI.400Si tratta del nuovo Fondo di garanzia attivato dalla Regione Toscana per il turismo, commercio, cultura e terziario che concede Garanzie gratuite fino all’80% su finanziamenti concessi alle micro, piccole e medie imprese per investimenti legati allo sviluppo aziendale o per l’acquisizione di attivi di uno stabilimento, purché connessi all’attuazione di un piano di crescita dell’attività d’impresa.(

    Sono ammissibili al finanziamento i programmi di investimento da realizzare in Toscana per svilupppo aziendale, nuovo stabilimento, ampliamento di uno stabilimento esistente, diversificazione della produzione, trasformazione radicale del processo produttivo, acquisizione di attivi di uno stabilimento.
    Le garanzie saranno concesse per operazione di finanziamento, leasing e emissioni di obbligazioni (mini bond).finanziamenti sono ammissibili per durate fino a 10 anni. Procedura a sportello. D
    omande a partire dal 12 gennaio. Maggiori informazioni(

  • Piemonte: ancora fondi disponibili per il "Patto per il Biellese", agevolazioni per PMI operanti nel Biellese

    PIEMONTE.BIELLESEPiemonte: ancora fondi disponibili per il "Patto per il Biellese", agevolazioni per PMI operanti nel Biellese.
    La misura è finalizzata a favorire l’accesso al credito a privati e PMI operanti nella provincia di Biella.
    • Beneficiari: - privati cittadini residenti nella provincia di Biella; - PMI iscritte al Registro imprese, economicamente e finanziariamente sane e con merito di garanzia, che effettuino investimenti nel territorio biellese.

      Agevolazione per i privati: garanzia sul 50% del mutuo bancario concesso.
      Agevolazione per le PMI: controgaranzia fino al 90% della garanzia emessa dal confidi. Chiedi informazioni

  • Nuova Sabatini: dal 1° gennaio in vigore la Circolare di adeguamento ai regolamenti comunitari

    images/AGEVOLAZIONI/MISE/SABATINI.jpgIl Ministero dello Sviluppo Economico ha emanato la Circolare contenente le integrazioni e specificazioni alle disposizioni attuative dell’intervento Beni strumentali ("Nuova Sabatini") necessarie ai fini dell’adeguamento ai nuovi regolamenti comunitari di esenzione n. 651/2014 e n. 702/2014, in vigore dal 1° gennaio 2015.

    Da tale data dovranno essere utilizzati i moduli e gli schemi conseguentemente modificati. Non essendo ancora stato adottato il regolamento comunitario relativo al settore della produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca, la presentazione delle domande da parte di piccole e medie imprese attive in questo settore è sospesa.

    Chiedi Informazioni

  • LOMBARDIA: dal 29 gennaio le domande per accedere a "Credito In Cassa" agevolazioni alle imprese per la liquidazione immediata di crediti verso altre imprese

    CREDITO.IN.CASSACon la nuova Operazione Credito In-Cassa B2B, Regione Lombardia introduce ulteriori agevolazioni a favore delle micro, piccole, medie e grandi imprese lombarde.

    La Regione Lombardia ha approvato l'istituzione di una nuova linea di intervento denominata “Credito In-Cassa B2B”, finalizzata allo smobilizzo dei crediti vantati dalle micro, piccole, medie e grandi imprese lombarde verso altre imprese o altre tipologie di soggetto debitore, ad esclusione degli Enti Locali.

    La misura viene realizzata attraverso lo smobilizzo di crediti commerciali maturati o maturandi presso Intermediari Bancari o presso società di società di factoring convenzionati. Per le PMI le linee di credito/affidamenti: devono avere un importo minimo 10.000 euro e massimo di1.500.000 euro.

    Apertura dello sportello: 29 gennaio 2015. Maggiori informazioni

  • MISE: in arrivo In totale 700 milioni di euro con “Agenda digitale” e “Industria sostenibile”a disposizione delle imprese per rinnovo processi e prodotti

    Fondo.Crescita.Sostenibile-horizon2020Si tratta di un totale di 700 milioni di euro a disposizione delle imprese, che con “Agenda digitale” e “Industria sostenibile”saranno agevolate per progetti di investimento di rinnovo processi e prodotti per investimenti.

    I progetti di investimento delle imprese devono prevedere spese ammissibili che siano comprese comprese fra un minimo di 5 milioni di euro e un massimo di 40 milioni.

    Il Ministero dello sviluppo economico ha infatti definito due nuovi interventi del Fondo per la crescita sostenibile diretti ad accrescere la competitività delle imprese italiane e favorire il superamento dall’attuale fase di stagnazione economica, attraverso lo sviluppo di progetti innovativi in grado di realizzare significativi avanzamenti tecnologici.

    I due interventi, denominati “Agenda digitale” e “Industria sostenibile”, seguono il primo intervento del Fondo per la crescita sostenibile, attuato nello scorso mese di Ottobre, diretto principalmente a cogliere le proposte di innovazione provenienti dalle imprese di piccola e media dimensione negli specifici ambiti tecnologici individuati dal programma europeo “Horizon 2020”.

    Il primo intervento del Fondo per la crescita sostenibile ha ottenuto un grande riscontro da parte delle imprese, le risorse finanziarie disponibili, pari a 300 milioni di euro, si sono, infatti, esaurite nelle prime due giornate di apertura dello sportello agevolativo, quando sono state presentate 271 domande a fronte di un ammontare complessivo di spese in ricerca e sviluppo previste pari a circa 525 milioni di euro.

    Sono previsti finanziamenti agevolati e contributi diretti alla spesa. Maggiori informazioni

  • MISE: in arrivo In totale 700 milioni di euro con “Agenda digitale” e “Industria sostenibile”a disposizione delle imprese per rinnovo processi e prodotti

    MISE ICT AGENDA DIGITALESi tratta di un totale di 700 milioni di euro a disposizione delle imprese, che con “Agenda digitale” e “Industria sostenibile”saranno agevolate per progetti di investimento di rinnovo processi e prodotti per investimenti.

    I progetti di investimento delle imprese devono prevedere spese ammissibili che siano comprese comprese fra un minimo di 5 milioni di euro e un massimo di 40 milioni.

    Il Ministero dello sviluppo economico ha infatti definito due nuovi interventi del Fondo per la crescita sostenibile diretti ad accrescere la competitività delle imprese italiane e favorire il superamento dall’attuale fase di stagnazione economica, attraverso lo sviluppo di progetti innovativi in grado di realizzare significativi avanzamenti tecnologici.

    I due interventi, denominati “Agenda digitale” e “Industria sostenibile”, seguono il primo intervento del Fondo per la crescita sostenibile, attuato nello scorso mese di Ottobre, diretto principalmente a cogliere le proposte di innovazione provenienti dalle imprese di piccola e media dimensione negli specifici ambiti tecnologici individuati dal programma europeo “Horizon 2020”.

    Il primo intervento del Fondo per la crescita sostenibile ha ottenuto un grande riscontro da parte delle imprese, le risorse finanziarie disponibili, pari a 300 milioni di euro, si sono, infatti, esaurite nelle prime due giornate di apertura dello sportello agevolativo, quando sono state presentate 271 domande a fronte di un ammontare complessivo di spese in ricerca e sviluppo previste pari a circa 525 milioni di euro.

    Sono previsti finanziamenti agevolati e contributi diretti alla spesa. Chiedi informazioni

  • NUOVA SABATINI: Nuovi fondi per la Sabatini dalla Legge di Stabilità 2015, approvati in Commissione alla Camera dei Deputati nuovi stanziamenti per le imprese per il 2015

    AGEVOLAZIONI/MISE/sabatini-stat4dic.jpgNella Legge di Stabilità 2015 sono stati approvati in commissione Bilancio alla Camera dei Deputati gli stanziamenti destinati a rifinanziare la Nuova Sabatini anche per l'anno 2015. 

    Sono stati riservati allo scopo 12 milioni di euro per l'anno 2015 che costituiranno la dote necessaria per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese che effettuano investimenti in beni strumentali. Inoltre è stato previsto un ulteriore stanziamento di 31,6 milioni di euro per il 2015 e di 46,6 milioni per il 2017.

    Ricordiamo che con la Nuova Sabatini e imprese potranno ottenere finanziamenti con contributo in conto interessi e garanzia gratuita statale pari all'80% dell'investimento richiesto fino a d un massimo di 2.000.000 per ciascuna impresa. sono ammessi tutti i settori produttivi, compresa agricoltura e pesca, per acuisti di beni ammortizzabili strumentali compresi software e servizi digitali.
    Inoltre ricorrendone i presupposti le imprese potranno usufruire del contributo a fondo perduto del 15% a titolo di credito di imposta.

    Le domande vanno presentate a sportello. La misura è pienamente operativa.  Leggi tutto l'articolo per ulteriori informazioni.

    Chiedi Informazioni

  • NUOVA SABATINI: Nuovi fondi per la Sabatini dalla Legge di Stabilità 2015, approvati in Commissione alla Camera dei Deputati nuovi stanziamenti per le imprese per il 2015

    images/AGEVOLAZIONI/Nuova_Sabatini.jpgNella Legge di Stabilità 2015 sono stati approvati in commissione Bilancio alla Camera dei Deputati gli stanziamenti destinati a rifinanziare la Nuova Sabatini anche per l'anno 2015. 

    Sono stati riservati allo scopo 12 milioni di euro per l'anno 2015 che costituiranno la dote necessaria per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese che effettuano investimenti in beni strumentali. Inoltre è stato previsto un ulteriore stanziamento di 31,6 milioni di euro per il 2015 e di 46,6 milioni per il 2017.
    Ricordiamo che con la Nuova Sabatini e imprese potranno ottenere finanziamenti con contributo in conto interessi e garanzia gratuita statale pari all'80% dell'investimento richiesto fino a d un massimo di 2.000.000 per ciascuna impresa. sono ammessi tutti i settori produttivi, compresa agricoltura e pesca, per acuisti di beni ammortizzabili strumentali compresi software e servizi digitali.
    Inoltre ricorrendone i presupposti le imprese potranno usufruire del contributo a fondo perduto del 15% a titolo di credito di imposta. Le domande vanno presentate a sportello.
    La misura è pienamente operativa.
    Leggi tutto l'articolo per ulteriori informazioni.

    Chiedi Informazioni

  • TOSCANA:dal 20novembre le domande al Fondo Unico Rotativo per Prestiti a tasso zero (FURP) anche per le industrie

    FondoRotativo-FURP

    Dal 20 novembre via si possono presentare le domande di finanziamento agevolato a tasso zero da parte, fino a 1 milione di euro, da parte piccole e medie imprese toscane anche del settore industria, dopo il settore artigianato e cooperazione.
    E' stato infatti pubblicato sul Burt il provvedimento o di apertura 
    dei termini di presentazione delle domande di aiuto sulla linea di intervento 1.4 a2 per la Sezione Industria del Fondo Unico per Prestiti (FURP) disponendo che le domande siano inoltrate a far data dal giorno 20 novembre 2014.

    Verranno finanziati i programmi di investimento per sviluppo e innovazione. Verrà data priorità alle imprese giovanili e femminili.

    Gli aiuti per la realizzazione dei progetti di investimento sono concessi nella forma di finanziamento a tasso zero pari al:  - 60% del programma di investimento ammesso all’agevolazione a seguito di valutazione; - 70% del programma di investimento ammesso all’agevolazione a seguito di valutazione, limitatamente ai programmi di investimento proposti da imprese giovanili e femminili.Possono presentare domanda le Micro, Piccole e Medie Imprese ( PMI), ivi comprese le società consortili  Il valore totale del progetto di investimento ammesso non può essere superiore a € 1.000.000,00.

  • ITALIA: dai Fondi BEI nasce "Valore Europa": più accesso al credito per imprese con i fondi Bce

    AGEVOLAZIONI/FONDI.BEI.1502.gifProsegue e si intensifica l'attività del sistema finanziario a sostegno dell'economia italiana. Grazie all'assegnazione di 7,75 miliardi di euro per il nostro Paese all'asta TLTRO dello scorso 18 settembre, si intende infatti potenziare ulteriormente l'attività creditizia con l'erogazione di 15,5 miliardi di nuovi finanziamenti alle imprese italiane, pari al 25% delle nuove erogazioni di tutto il sistema bancario.

    Le iniziative per la crescita dell'economia adottate intendono valorizzare i fondi BCE  trasferendo alle imprese i connessi benefici. Il programma si chiama "Valore Europa" e si propone di stimolare la crescita e allargare l'accesso al credito per le imprese, oltre che di supportare investimenti delle famiglie su progetti sostenibili.

    "I fondi ottenuti dalla Bce nell'ambito del Tltro saranno integralmente destinati al credito. In questa prima asta si è richiesto l'importo massimo consentito per le attività in Italia e la priorità andrà alle imprese che intendono fare investimenti pluriennali per sostenere lo sviluppo e ricominciare a crescere. La misura è già operativa e le pratiche saranno istruite a sportello, in ordine di presentazione fino ad esaurimento fondi. E' necessario possedere bilanci sani e presentare un progetto di investimento con concrete prospettive di sviluppo. I progetti di investimento devono essere preferibilmente compresi fra 1 e 25 milioni di euro. Il fondo di garanzia statale copre l'80% dell'investimento ed è completamente gratuito. Il finanziamento viene erogato fino al 100% dell'importo dell'investimento.

    Le condizioni praticate usufriiscono di particolari agevolazioni. L'intervento coinvolgerà, sempre valorizzando il supporto del Fondo Centrale di Garanzia, anche le 2.500 Start Up innovative presenti in Italia che, attraverso finanziamenti fino a 100 mila euro con costo della garanzia azzerato e tempi di erogazione accelerati, potranno ottenere il supporto finanziario necessario al consolidamento della propria attività

     "Valore Europa" si propone di fornire un concreto supporto all'economia reale agendo su tre direttive distinte:

    Chiedi Informazioni

  • ITALIA: dai Fondi BEI nasce "Valore Europa": più accesso al credito per imprese con i fondi Bce

    AGEVOLAZIONI/FONDI.BEI.1502.gifProsegue e si intensifica l'attività del sistema finanziario a sostegno dell'economia italiana. Grazie all'assegnazione di 7,75 miliardi di euro per il nostro Paese all'asta TLTRO dello scorso 18 settembre, si intende infatti potenziare ulteriormente l'attività creditizia con l'erogazione di 15,5 miliardi di nuovi finanziamenti alle imprese italiane, pari al 25% delle nuove erogazioni di tutto il sistema bancario.

    Le iniziative per la crescita dell'economia adottate intendono valorizzare i fondi BCE  trasferendo alle imprese i connessi benefici. Il programma si chiama "Valore Europa" e si propone di stimolare la crescita e allargare l'accesso al credito per le imprese, oltre che di supportare investimenti delle famiglie su progetti sostenibili.

    "I fondi ottenuti dalla Bce nell'ambito del Tltro saranno integralmente destinati al credito. In questa prima asta si è richiesto l'importo massimo consentito per le attività in Italia e la priorità andrà alle imprese che intendono fare investimenti pluriennali per sostenere lo sviluppo e ricominciare a crescere. La misura è già operativa e le pratiche saranno istruite a sportello, in ordine di presentazione fino ad esaurimento fondi. E' necessario possedere bilanci sani e presentare un progetto di investimento con concrete prospettive di sviluppo. I progetti di investimento devono essere preferibilmente compresi fra 1 e 25 milioni di euro. Il fondo di garanzia statale copre l'80% dell'investimento ed è completamente gratuito. Il finanziamento viene erogato fino al 100% dell'importo dell'investimento. Le condizioni praticate usufriiscono di particolari agevolazioni. L'intervento coinvolgerà, sempre valorizzando il supporto del Fondo Centrale di Garanzia, anche le 2.500 Start Up innovative presenti in Italia che, attraverso finanziamenti fino a 100 mila euro con costo della garanzia azzerato e tempi di erogazione accelerati, potranno ottenere il supporto finanziario necessario al consolidamento della propria attività

     "Valore Europa" si propone di fornire un concreto supporto all'economia reale agendo su tre direttive distinte: (Richiedi informazioni)

  • SICILIA: Progetto Jeremie Sicilia 50 milioni per le Pmi siciliane dalla FEI e Regione Sicilia

    Chiedi Informazioni

  • Fondo di garanzia per le Pmi: dal 7 novembre operativa la garanzia sui mini bond

    Mini.BondDal 7 novembre 2014 le piccole e medie imprese potranno presentare al Gestore del Fondo di garanzia per le PMI (Banca del Mezzogiorno – MedioCredito Centrale S.p.A.) le richieste di garanzia relative ai “mini bond”, le operazioni di sottoscrizione di obbligazioni o titoli simili.  Sono state pubblicate, infatti, il 23 ottobre 2014 le “Disposizioni operative” aggiornate del Fondo, che entrano in vigore il quindicesimo giorno successivo alla loro pubblicazione.  (info)

    Il Fondo di Garanzia per le PMI è uno strumento istituito con Legge n. 662/96 e operativo dal 2000, con l'obiettivo di favorire l’accesso alle fonti finanziarie da parte delle piccole e medie imprese. Da ultimo, il decreto interministeriale 5 giugno 2014 (G.U. n.172 del 26 luglio 2014) ha definito i requisiti e le caratteristiche delle operazioni ammissibili, le modalità di concessione della garanzia, i criteri di selezione, nonché l’ammontare massimo delle disponibilità finanziarie del Fondo.(info)

    Lo strumento consiste nella concessione di una garanzia pubblica che si affianca e spesso si sostituisce alle garanzie reali  portate dalle imprese. Rivolgendosi al Fondo l’impresa non ha un contributo in denaro, ma ha la concreta possibilità di ottenere finanziamenti senza garanzie aggiuntive (e quindi senza costi di fidejussioni o polizze assicurative) sugli importi garantiti dal Fondo.

  • SACE e Banca Ubae: accordo per l’internazionalizzazione delle imprese

    images/AGEVOLAZIONI/SACE-UBAE3.jpgSACE e Banca UBAE annunciano la firma di un accordo di collaborazione destinato a supportare la crescita delle imprese italiane nei mercati emergenti a maggior potenziale, attraverso soluzioni assicurativo-finanziarie a sostegno di export e investimenti.

    L’accordo unisce l’expertise di SACE nell’assunzione dei rischi e la vicinanza agli esportatori italiani attraverso un network di uffici in Italia e all’estero, e la solida esperienza di Banca UBAE nei mercati emergenti più promettenti, prevalentemente Africa, Medio Oriente, Estremo Oriente ed Europa dell’Est. (info)

    In particolare, le imprese avranno accesso a finanziamenti dedicati a progetti di internazionalizzazione, fideiussioni per gare e commesse internazionali e lettere di credito offerte da Banca UBAE e garantite da SACE.

  • NUOVA SABATINI: ancora fondi disponibili per le imprese

    images/AGEVOLAZIONI/Nuova_Sabatini.jpgProsegue ancora il successo delle misure a sostegno degli investimenti in beni strumentali delle PMI e In sette mesi le richieste sono a quota 2,3 miliardi. Anche a novembre sarà possibile presentare nuove domande fino ad esaurimento fondi disponibili.
    E' sempre possibile inoltre il rifinanziamento della misura come preannunciato a suo tempo dal Ministro Guidi che ha ipotizzato addiritturqa il possibile raddoppio delle risorse.

    Per il momento siamo arrivati a quota 2,3 miliardi di richieste di finanziamento da parte delle PMI, un ammontare ormai prossimo al plafond di 2,5 miliardi messo a disposizione delle aziende che realizzano investimenti in macchinari, impianti, beni strumentali e attrezzature, hardware, software e tecnologie digitali.In particolare ad ottobre, settima tornata mensile di prenotazione delle risorse relative alla misura di aiuto “Beni strumentali” – Nuova Sabatini prevista dal decreto ministeriale del 27 novembre 2013, sono pervenute 779 domande per 221 milioni di finanziamenti CDP.

    Chiedi Informazioni

  • NUOVI FONDI BEI PER LE PMI ITALIANE - possibilita' di accesso a importanti finanziamenti agevolati

    FONDI-BEI-150La Banca europea per gli investimenti (BEI) ha approvato un pacchetto di prestiti da 8,4 miliardi di euro a sostegno delle PMI e per la realizzazione di investimenti infrastrutturali, tra cui alcuni in Italia.

    Si tratta di importanti linee di finanziamento messi a disposizione degli istituti convenzionati e assegnatari dei fondi che potranno erogare direttamente alle imprese che ne farannoi richiesta tutti i finanziamenti destinati all'Italia.
    Questi dovranno servire in particolare all'ammodernamento di impianti già esistenti e alla costruzione di nuove piccole centrali idroelettriche.
    E' possibile richiedere il finanziamento anche per investimenti già effettuati negli ultimi 3 anni o ancora da realizzare.
    L'importo minimo da richiedere varia a seconda dell'istituto prescelto ma in genere vengono privilegiati gli investimenti compresi fra 1 milione e 12,5 milioni di euro.

    L'importo viene erogato in unica soluzione.
    Procedura aperta, misura a sportello. Per maggiori informazioni continua a leggere o contattaci direttamente.

    Chiedi Informazioni

  • ITALIA: MCC-BDM aperti i nuovi importanti finanziamenti agevolati per le imprese, in tutto il territorio nazionale

    BDM MCC.200ITALIA: MCC-BDM sono gia' attivi i nuovi importanti finanziamenti agevolati per le imprese, in tutto il territorio nazionale, che presentino interessanti prospettive di poter promuovere ricadute in termini di sviluppo economico e sociale.

    L'importo minimo del finanziamento richiedibile è di 100.000 euro e nessun massimo.

    E' riservato alle imprese con un fatturato congruo e proporzionato al finanziamento richiesto.

    Si tratta della nuova linea di finanziamenti decennali, ipotecari, per tutte le le imprese con sede in qualsiasi regione.

    E' riservato altresì ai progetti di investimento che presentino interessanti prospettive di ricadute in termini di sviluppo economico sia diretto che indiretto.

    E' richiesta una garanzia ipotecaria ma che può essere anche di secondo o terzo grado.
    Sono richiesti almeno 2 bilanci depositati con utili congrui e indici di bilancio positivi.

    L'agevolazione consiste nell'erogazione diretta alle imprese, in circa 60 giorni, del finanziamento stesso, con il rilascio della garanzia gratuita del Medio Credito Centrale pari all'80%.

    Viene finanziato il 100% dell'investimento. L'erogazione è completamente versata sul conto dell'impresa al 100% all'atto della firma del contratto.

    La procedura è aperta. Domande a sportello.

    Per maggiori informazioni rispondete a questo messaggio oppure continua a leggere per contatti.

    Chiedi Informazioni

  • CALABRIA:aperto dal 1 ottobre il bando per il Riequilibrio Finanziario delle PMI

    CALABRAI-RIEQUILIBRIO.FINANZIARIOPer dare risposte concrete ai problemi di liquidità finanziaria delle piccole e medie imprese nonché delle imprese artigiane operanti in Calabria, troppo spesso sottocapitalizzate e costrette a ricorrere all’indebitamento bancario a breve termine. il Dipartimento Attività Produttive della Regione Calabria, con decreto n. 9690 dl 5 agosto 2014, ha messo a disposizione 8 milioni di euro, provenienti dai fondi PAC – Piano di Azione e Coesione.
    Il bando Riequilibrio Finanziario darà la possibilità alle imprese calabresi che abbiano contratto un mutuo o un debito con la banca, di dilazionarne i tempi di restituzione delle somme in un periodo medio-lungo.

    In particolare si tratta di operazioni di consolidamento a medio termine di passività a breve a titolo oneroso e alla rinegoziazione a lungo termine di finanziamenti a medio termine di durata massima di anni 7, compreso un periodo di 12 mesi di preammortamento.

    Il Bando apre il 1 ottobre  e sarà possibile presentare le domande per usufruire delle agevolazioni destinate alle micro, piccole e medie imprese industriali, commerciali e di servizio, ivi incluse le imprese artigiane, per il riequilibrio finanziario della propria struttura aziendale. Chiedi informazioni 

  • LOMBARDIA - "Credito in Cassa": pubblicato sul BUR l'avviso pubblico alle imprese per la domanda di partecipazione all'intervento

    CREDITO.IN.CASSA.B2B.200Il giorno 27 settembre 2013 è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia (Serie Ordinaria n. 39) l’”Avviso Pubblico alle Imprese per la partecipazione all’intervento “Credito In Cassa” e per la realizzazione delle operazioni di cessione pro soluto dei crediti scaduti” che definisce requisiti, modalità e termini per la partecipazione delle Imprese.
    L'avviso è rivolto a tutte le imprese di qualsiasi dimensione ed operanti in qualsiasi settore, titolari di crediti certificati nei confronti degli Enti Locali. (info)
    L'agevolazione permette di smobilizzare i crediti certificati vantati dalle Imprese, mediante lo strumento della cessione pro soluto a titolo definitivo. Previsto un contributo in conto interessi e la garanzia gratuita.(info)

    La domanda di partecipazione dovrà essere presentata dal 30 settembre 2013.(info)

  • LOMBARDIA: 'Credito In-Cassa' - Imprese, 500 milioni per smobilizzo crediti tra aziende

    CREDITO.IN.CASSA'Credito In-Cassa', la misura approvata da Regione Lombardia lo scorso anno per sbloccare i crediti vantati dalle imprese nei confronti delle Pubbliche amministrazioni, si estende anche ai crediti tra imprese.  (info)

    La Giunta della Regione Lombardia ha infatti approvato l'istituzione di una nuova linea di intervento ('Credito In-Cassa B2B'), finalizzata appunto a smobilizzare i crediti vantati dalle imprese verso altre imprese.  (info)

    E' una misura misura concreta di aiuto a impreseperché consente di combattere meglio la crisi e aiutare i lavoratori".  (info)

    "Attualmente oltre il 54 per cento dei pagamenti tra imprese in Lombardia avviene in ritardo rispetto a quanto pattuito contrattualmente, con un effetto a cascata su tutta la filiera. Per questo si è deciso di approvare questo provvedimento per smobilizzare il credito, non solo verso le Pubbliche amministrazioni, ma anche tra imprese.  (info)

    La misura è destinata alle aziende con sede legale o almeno una sede operativa in Lombardia e che vantino crediti commerciali nei confronti di altre imprese anche non lombarde".  (info)

    I DETTAGLI DEL PROVVEDIMENTO:  (info)

  • CALABRIA: pubblicati i regolamenti operativi del Fondo Unico di Ingegneria Finanziaria

    CALABRIA.FONDO.REGIONALE.DI.INGEGNERIA.FINANZIARIAA seguito dell’istituzione del Fondo Unico Regionale di Ingegneria finanziaria, sono stati approvati i Regolamenti Operativi relativi ai 4 Fondi costituenti il Fondo Unico Regionale di Ingegneria finanziaria, che vengono di seguito pubblicati in preinformazione.
    Il Fondo Unico è articolato in quattro strumenti, aventi le seguenti dotazioni finanziarie:/span>

      -
    Fondo Mezzanine Financing:  € 25.638.000
      - Fondo per il Rafforzamento delle imprese industriali, artigiane e di servizi esistenti: € 27.359.000
      - Fondo di Garanzia per la concessione di garanzie dirette, cogaranzie e/o controgaranzie: € 20.000.000
      -

    Fondo Equity Investment per la creazione e il potenziamento di imprese innovative: € 3.000.000

    Gli strumenti diverranno operativi, e pertanto potranno essere presentate le domande, a fine mese di settembre 2014, a seguito di decreto dirigenziale del Dipartimento Attività Produttive.

  • Nuova Sabatini: Agosto conferma il successo della misura agevolativa e a settembre nuova finestra temporale

    Nuova SabatiniNuova Sabatini: Guidi, in 5 mesi chiesti quasi 1,9 mld di finanziamenti. Con 991 richieste di finanziamento da parte delle Pmi, pari a 292 milioni di risorse, il mese di Agosto conferma il successo della misura agevolativa Beni strumentali “Nuova Sabatini”, operativa dal 31 marzo scorso. “La risposta del Governo a sostegno del cuore produttivo del nostro Paese c’è e si vede”, dichiara il Ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi. In soli cinque mesi, da aprile ad oggi, abbiamo ricevuto richieste per 1 miliardo e 836 milioni di risorse per favorire gli investimenti di 6.181 imprese che vogliono ammodernare i processi produttivi e puntare ad una maggiore competitività: il nostro compito è mettere gli imprenditori nella condizione di investire e in questa direzione si muovono tutti gli strumenti di politica industriale che questo Ministero sta mettendo in campo”. La prossima finestra temporale per presentare le richieste di prenotazione da parte delle banche/intermediari finanziari (sulla base delle ulteriori richieste pervenute dalle imprese) sarà aperta dal 1 all’8 settembre. Introdotto inoltre un contributo a fondo perduto aggiuntivo del 15% come credito d'imposta.

  • Fondo Vertis Capital: private equity per il centro sud

    Il fondo Vertis Capital privilegia gli investimenti nel capiFondo Vertis Capitaltale di societa' con ricavi compresi tra euro 5 e 25 mln.

    Gli investimenti sono indirizzati verso imprese di piccole e medie dimensioni, con fatturato indicativamente inferiore a 50 milioni di euro, con sede legale ubicata nelle seguenti regioni:Sicilia, Sardegna, Calabria, Basilicata, Puglia, Campania, Abruzzo, Molise, Lazio. Possono essere realizzati investimenti anche in imprese con sede fuori dal territorio purchè già operative e/o con programmi di sviluppo nel territorio.

    Beneficiari sono le Imprese, i professionisti e le Cooperative. Dimensioni: micro impresa, piccola impresa, media impresa, tutte con forti prospettive di redditività. L' agevolazione finanziaria è della tipologia "Venture Capital", con investimento e sottoscrizione di capitale di rischio di minoranza nel capitale dell'impresa. L'importo di ciascun investimento è, di norma, compreso tra 2 e 7 milioni di euro. Misura aperta: operazioni a sportello
  • NUOVA SABATINI: ampliate le agevolazioni per le imprese

    Nuova SabatiniCon l'approvazione definitiva del Decreto legge Competitività del 7 agosto sono state aumentate le agevolazioni per le imprese  che effettuano investmenti in beni stumentali. In particolare è stato introdotto un nuovo contributo agglintivo del 15% sotto forma di credito di imposta da calcolarsi sugli incrementi degli investimenti effettuati in beni strumentali.

    In particolare si tratta di un contributo del 15% sugli investimenti realizzati oltre la media del quinquennio precedente. Il credito è scaglionato in tre rate annuali di pari importo, da utilizzarsi in compensazione nel modello F24 - dal 1° gennaio del secondo anno successivo a quello di effettuazione dell'investimento.

    Chiedi Informazioni

  • Credito d’imposta per l’assunzione di personale altamente qualificato: pubblicate le modalita’ di presentazione istanze

    GEVOLAZIONI/figure-prof.pngCon decreto del 28 luglio 2014 sono state definite le modalità di presentazione delle istanze, da parte delle imprese, per la richiesta del credito d’imposta per l’assunzione di personale altamente qualificato effettuato nel 2012 e nel 2013. Ricordiamo che il Credito d’imposta del 35 per cento, con un limite massimo di 200 mila euro annui adimpresa, del costo aziendale sostenuto per le assunzioni a tempo indeterminato di:

    a) personale in possesso di un dottorato di ricerca universitario conseguito presso una università italiana o estera se riconosciuto equipollente in base alla legislazione vigente in materia; b) personale in possesso di laurea magistrale in discipline di ambito tecnico o scientificoimpiegato in attività di ricerca e sviluppo.

  • Mini Bond emessi da PMI: pubblicato il decreto attuativo

    Mini.Bond.150.gif

    Interventi del Fondo di Garanzia su Mini Bond emessi da PMI: pubblicato il decreto attuativo.

    Con il decreto interministeriale 5 giugno 2014  si dà attuazione alle disposizioni  di cui all’art. 12, comma 6-bis, del decreto-legge n. 145/2013 (cd. decreto Destinazione Italia) che  ha previsto che la garanzia del Fondo di cui all’articolo 2, comma 100, lettera a), della legge n. 662/96 possa essere concessa, in aggiunta a quanto già previsto dalla legislazione vigente, in favore delle società di gestione del risparmio che, in nome e per conto dei fondi comuni di investimento da esse gestiti, sottoscrivano obbligazioni o titoli similari emessi da piccole e medie imprese.

  • Dal 30 settembre le domande per le agevolazioni su progetti di R&S negli ambiti tecnologici di Horizon 2020

    AGEVOLAZIONI/Fondo.Crescita.Sostenibile-horizon2020.jpg300 milioni di euro per le imprese con i progetti di R&S negli ambiti tecnologici di Horizon 2020.In data 25 luglio 2014 è stato firmato il decreto del Direttore generale per gli incentivi alle imprese con il quale vengono individuati i termini e le modalità di presentazione delle domande per l’accesso alle agevolazioni del Fondo per la crescita sostenibile. Previsto finanziamento agevolato fino al 70%.

    Tali agevolazioni sono dirette a sostenere la realizzazione di progetti di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale negli ambiti tecnologici individuati dal programma “Horizon 2020” dell'Unione europea.Le domande di agevolazioni possono essere presentate a partire dal 30 settembre 2014.

  • MARCHI+: Contributi alle PMI di tutte le regioni per favorire la registrazione di marchi comunitari e internazionali

    MARCHI2Il Ministero dello Sviluppo Economico e l'Unioncamere intendono supportare le imprese di micro, piccola e media dimensione nella tutela dei marchi all’estero attraverso alcune misure agevolative che mirano a sostenere la capacità innovativa e competitiva delle imprese. Il programma prevede due linee di intervento:

    Misura A)  Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi comunitari presso UAMI (Ufficio per l'Armonizzazione nel Mercato Interno) attraverso l’acquisto di servizi specialistici;

    Misura B)  Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale) attraverso l’acquisto di servizi specialistici:
    Procedura a sportello - Bando aperto sino esaurimento risorse.

    Chiedi Informazioni

  • LOMBARDIA: Fondo di Rotazione per l'Internazionalizzazione (FRI): incrementata la dotazione finanziaria

    internazionalizzazione

    La Regione Lombardia il 1 luglio 2014 ha incrementato il Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione – FRI con la somma di 6.679.834 euro, derivante dalla razionalizzazione di altre Misure non più operative.

    Il Fondo di rotazione per l’internazionalizzazione – FRI (Linea di intervento 6 del FRIM) ha l’obiettivo di sostenere le attività imprenditoriali lombarde orientate allo sviluppo ed al consolidamento della presenza stabile sui mercati internazionali delle MPMI lombarde attraverso la costituzione di Newco.

    La misura  sostiene le Micro Piccole e Medie Imprese lombarde nella realizzazione di programmi di investimento all’estero finalizzati alla realizzazione di nuovi insediamenti produttivi, o strutture operative finalizzate alla produzione di beni o all'erogazione di servizi. Settori ammessi: manifatturiero- costruzioni- servizi.

    L’intervento finanziario concedibile è pari al 40% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 200.00,00 (regime “de minimis”) e si compone di quota a rimborso, (60%) ad un tasso fisso agevolato dello 0,25% fisso su base semestrale ed una quota a fondo perduto (40%).MISURA APERTA: PROCEDURA A SPORTELLO.

  • Mini Bond: un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

    Mini.Bond.150.gifIl Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società non quotate prevedendo agevolazioni in precedenza riservate alle società quotate.
    Grazie all'attuale disciplina normativa, le società non quotate potranno ricorrere a forme di finanziamento alternative al credito bancario attraverso l'emissione dei c.d. Mini Bond (titoli di debito a medio - lungo termine) sottoscrivibili dainvestitori professionali in grado di indirizzare risparmio di lungo periodo.
    Beneficiari sono sono le PMI e Corporate, con merito creditizio positivo, bilanci in utile e concrete possibilità di sviluppo.

    Non sono previsti limiti di importo. Previste agevolazioni fiscali. Inoltre il ricorso al finanziamento tramite i mini bond non costituisce un aumento dell'esposizione bancaria. MISURA APERTA - PROCEDURA A SPORTELLO.

  • LOMBARDIA: Fondo di Rotazione per l'Internazionalizzazione (FRI)

    internazionalizzazioneLa nuova misura sostiene le Micro Piccole e Medie Imprese lombarde nella realizzazione di programmi di investimento all’estero finalizzati alla realizzazione di nuovi insediamenti produttivi, o strutture operative finalizzate alla produzione di beni o all'erogazione di servizi. Settori ammessi: manifatturiero- costruzioni- servizi.

    L’intervento finanziario concedibile è pari al 40% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 200.00,00 (regime “de minimis”) e si compone di quota a rimborso, (60%) ad un tasso fisso agevolato dello 0,25% fisso su base semestrale ed una quota a fondo perduto (40%).MISURA APERTA: PROCEDURA A SPORTELLO.

  • DESTINAZIONE ITALIA - IMPRENDITORIA GIOVANILE: Estese a tutto il territorio nazionale le agevolazioni per le nuove imprese giovanili

    INVITALIA.NUOVE.IMPRESE.TASSO.ZEROCon il "Decreto Legge Destinazione Italia" recentemente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale sono state modificate le norme che regolano la concessione delle agevolazioni di cui al D. Lgs. 185/00 Titolo I (con Decreto Legge n.145/2013).

    Sono previsti contributi alle nuove società giovanili che operano nei settori della produzione di beni nel settore industria e artigianato, trasformazione di prodotti agricoli, ed erogazione di servizi in qualsiasi settore, incluse le iniziative nel commercio e nel turismo.

    Le iniziative possono essere localizzatein tutto il territorio nazionale.

    Per concedere le suddette agevolazioni, e' al momento necessario attendere l'emanazione del relativo Regolamento di attuazioneda parte del Ministero dello Sviluppo Economico, che indicherà anche le modalità di presentazione della domanda di ammissione alle agevolazioni. Con l’avvenuta emanazione del Regolamento, sarà anche pubblicata la modulistica per la presentazione della domanda e sarà possibile richiedere le agevolazioni. Ricordiamo che con la nuova misura sono concessi finanziamenti a tasso zero per progetti di investimento fino a 1.500.000 euro, aventi le seguenti caratteristiche: Chiedi informazioni

  • FRIULI VENEZIA GIULIA: Fondo di rotazione per le iniziative economiche FRIE

    FRIE fondo rotazione iniziative ecomoniche FRIULIE’ il fondo istituito dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia per l’erogazione di finanziamenti agevolati alle imprese su programmi di investimento organici e funzionali all'attività esercitata.

    Sono ammissibili al finanziamento gli investimenti iniziali relativi alla creazione di un nuovo stabilimento o all’estensione di uno stabilimento esistente, alla diversificazione della produzione mediante prodotti nuovi aggiuntivi o al cambiamento fondamentale del processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente, nonché, a determinate condizioni, gli investimenti destinati all’acquisizione di uno stabilimento esistente.

    Beneficiari sono le Micro, piccole e medie imprese operative sul territorio regionale e le grandi imprese aventi sede nelle zone della regione coperte dalla deroga. Si tratta di un  mutuo agevolato a medio/lungo termine (10/15 anni) per programmi di investimento pari all’80% della spesa per le micro e piccole imprese, al 75% per le media imprese e al 65% dell’investimento complessivo per la grande impresa, con un minimo di 100.000,00 euro e un massimo di 20 milioni di euro. Procedura a sportello: bando aperto.

  • Imprese del Mezzogiorno: illustrati gli incentivi PON Imprese e Competitività

    PON.2014 2020Il Ministero dello Sviluppo Economico ha presentato gli obiettivi della nuova programmazione 2014-2020 per il riposizionamento competitivo del sistema produttivo del Mezzogiorno.
    PON IMPRESE E COMPETITIVITÀ 2014-2020: in particolare è stato illustrato il Programma articolato in quattro assi:
    1) Innovazione, volto a finanziare attività di ricerca e sviluppo con connotazione di innovatività tecnologica;
    2) Banda ultra larga e crescita digitale, destinato a colmare il ritardo digitale del Paese sul fronte infrastrutturale e nei servizi;
    3) Competitività della PMI, riservato ad incrementare la competitività delle piccole medie imprese sul mercato italiano ed estero e ad incoraggiare la cultura imprenditoriale e lo sviluppo delle stesse;
    4) Energia: rivolto alla tutela ambientale e all’efficientamento energetico.
    Tra le iniziative di prossima attuazione un focus particolare è stato dedicato al:
    CREDITO DI IMPOSTA: destinato principalmente a Piccole e Medie Imprese (PMI) per l’acquisizione di beni strumentali nuovi (macchinari, impianti e attrezzature) che partirà dal 30 giugno prossimo e
    FONDO DI GARANZIA: si tratta dell’implementazione del Fondo di garanzia che intende costruire con il sistema bancario dei portafogli di finanziamenti in favore delle PMI del Mezzogiorno che hanno difficoltà ad accedere al credito.
    ANTICIPAZIONE PROSSIMI 3 BANDI: è stata data una anticipazione sui tre bandi:
    “Fondo crescita sostenibile”, di prossima attivazione, sulla ricerca e innovazione che utilizzano le risorse del PON: “Horizon 2020”, “Agenda Digitale” e “Industria Sostenibile”.
    Inoltre è stato illustrato illustrato i programmi di investimento, attivabili attraverso il “Contratto di Sviluppo”, tramite Invitalia, con cui si intende sostenere investimenti di grandi dimensioni, nel settore industriale, turistico e di tutela ambientale.  Richiedi informazioni



    PON IMPRESE E COMPETITIVITÀ 2014-2020

    Logo Italia Contributi

    Richiedi un Appuntamento a Milano

    Richiedi un appuntamento in altre città

    Richiedi informazioni

    Sei un Commercialista? Collabora con noi​


    IMPRESE DEL MEZZOGIORNO: INCENTIVI PON IMPRESE E COMPETITIVITÀ

    Il Ministero dello Sviluppo Economico ha presentato gli obiettivi della nuova programmazione 2014-2020 per il riposizionamento competitivo del sistema produttivo del Mezzogiorno.

    PON IMPRESE E COMPETITIVITÀ 2014-2020: PROGRAMMA

    IN PARTICOLARE È STATO ILLUSTRATO IL PROGRAMMA ARTICOLATO IN QUATTRO ASSI:

    • 1) Innovazione, volto a finanziare attività di ricerca e sviluppo con connotazione di innovatività tecnologica;
    • 2) Banda ultra larga e crescita digitale, destinato a colmare il ritardo digitale del Paese sul fronte infrastrutturale e nei servizi;
    • 3) Competitività della PMI, riservato ad incrementare la competitività delle piccole medie imprese sul mercato italiano ed estero e ad incoraggiare la cultura imprenditoriale e lo sviluppo delle stesse;
    • 4) Energia: rivolto alla tutela ambientale e all’efficientamento energetico.

    TRA LE INIZIATIVE DI PROSSIMA ATTUAZIONE UN FOCUS PARTICOLARE È STATO DEDICATO A:

    CREDITO DI IMPOSTA

    Destinato principalmente a Piccole e Medie Imprese (PMI) per l’acquisizione di beni strumentali nuovi (macchinari, impianti e attrezzature) che partirà dal 30 giugno prossimo

    FONDO DI GARANZIA

    Si tratta dell’implementazione del Fondo di garanzia che intende costruire con il sistema bancario dei portafogli di finanziamenti in favore delle PMI del Mezzogiorno che hanno difficoltà ad accedere al credito.

    ANTICIPAZIONE PROSSIMI 3 BANDI

    È STATA DATA UNA ANTICIPAZIONE SUI PROSSIMI TRE BANDI:

    • “FONDO CRESCITA SOSTENIBILE”,
      di prossima attivazione, sulla ricerca e innovazione che utilizzano le risorse del PON: “Horizon 2020”,
    • “AGENDA DIGITALE” e
    • “INDUSTRIA SOSTENIBILE”.

    CONTRATTO DI SVILUPPO
    Inoltre è stato illustrato illustrato i programmi di investimento, attivabili attraverso il “Contratto di Sviluppo”, tramite Invitalia, con cui si intende sostenere investimenti di grandi dimensioni, nel settore industriale, turistico e di tutela ambientale.

    PON Imprese e Competitività 2014-2020

    RICORDIAMO LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL PON IMPRESE E COMPETITIVITÀ 2014-2020

    La Commissione europea ha approvato il 23 giugno 2015, e successivamente modificato il 24 novembre 2015, il Programma Operativo Nazionale (PON) Imprese e Competitività 2014-2020 che interviene con una dotazione complessiva di circa 2,3 miliardi di euro per il rafforzamento delle imprese del Mezzogiorno, quale elemento cardine della politica industriale italiana in una logica di riequilibrio territoriale e di convergenza Mezzogiorno-Centro-Nord.

    REGIONI

    Il Programma infatti intende accrescere gli investimenti nei settori chiave nelle Regioni meno sviluppate:

    • Basilicata,
    • Calabria,
    • Campania,
    • Puglia,
    • Sicilia,

    e in quelle in transizione:

    • Abruzzo,
    • Molise,
    • Sardegna,

    contribuendo all'obiettivo di portare il peso relativo del settore manifatturiero sul PIL europeo dal 15,6% del 2011 al 20% entro il 2020 e sostenere così un duraturo processo di sviluppo dell’intero Sistema imprenditoriale del Paese.

    • La forza innovativa del PON Imprese e Competitività, in linea con le priorità della Strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, risiede dunque nella combinazione di agevolazioni in risposta ai fabbisogni delle imprese e interventi infrastrutturali per migliorarne il posizionamento.

    PROGRAMMA

    Il Programma si propone di favorire la crescita economica e il rafforzamento della presenza delle aziende italiane nel contesto produttivo globale, in particolare le piccole e medie imprese, articolando gli interventi su 4 obiettivi tematici:

    • OT 1 - rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l'innovazione
    • OT 2 – migliorare l’accesso e l’utilizzo del ICT, nonché l'impiego e la qualità delle medesime
    • OT 3 - promuovere la competitività delle piccole e medie imprese
    • OT 4 - sostenere la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori.

    DOTAZIONE FINANZIARIA

    Il PON Imprese e Competitività, inizialmente dotato di un budget complessivo di oltre 2,4 miliardi di euro (di cui 1,7 miliardi provenienti dal Fondo europeo per lo sviluppo regionale (FESR) e 643 milioni di cofinanziamento nazionale), è stato riprogrammato nel mese di novembre  conseguentemente  all’adesione italiana alla c.d. Iniziativa PMI (concretizzata nella formulazione e approvazione di un Programma a sé stante),

    E PRESENTA OGGI UN BUDGET COMPLESSIVO PARI A €2.316,5 MLN,

    • di cui €1.676 mln FESR e €640,5 mln di cofinanziamento nazionale, risorse provenienti dalla Legge 183/87.

    AUTORITÀ DI GESTIONE DEL PON

    Nel periodo di programmazione 2014-2020 l’Autorità di gestione del Programma è il Ministero dello Sviluppo Economico

    MAGGIORI INFORMAZIONI

    RICHIEDI



    SEI UN PROFESSIONISTA ISCRITTO AD UN ALBO PROFESSIONALE?

    professionisti.collaborazioni

    CLICCA QUI PER COLLABORAZIONI PROFESSIONALI

     



    © Copyright - ITALIA CONTRIBUTI S.R.L.
    Tutti i diritti sono riservati
    Vietato riprodurre, copiare o ripubblicare articoli e contenuti senza autorizzazione.

    Se vuoi ripubblicare questo articolo sul tuo blog o sito internet puoi farlo citando la fonte, inserendo la dicitura "Questo articolo è stato originariamente pubblicato sul sito web www.italiacontributi.it" e includendo un link attivo diretto alla pagina dell'articolo.

SMART & START ITALIA

SMART START ITALIA nuove imprese innovative 2019 2020

 

FINANZIAMENTI DA FONDI PRIVATI DI INVESTIMENTO

FINANZIAMENTI PRIVATI

 

NUOVI FINANZIAMENTI AGEVOLATI

nuovi finanziamenti agevolati 2019

 

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE FNI

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE FNI

Pre-Fattibilità Gratuita

ITALIA CONTRIBUTI PRE FATTIBILTA GRATUITA 300

NUOVA SABATINI

NUOVA SABATINI 2019 2020

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO

iNVITALIA.NUOVE.IMPRESE.TASSO.ZERO 2019

RESTO AL SUD

RESTO AL SUD INVITALIA

START UP INNOVATIVE

SMART START 2019

CHIEDI APPUNTAMENTO

chiedi appuntamento 2 Giallo

STRUTTURE PERMANENTI IN PASI EXTRA UE

UFFICI NEGOZI SHOW ROOM permanenti in paesi extra ue

CERCA

PARTECIPAZIONE A FIERE INTERNAZIONALI

PARTECIPAZIONE A FIERE INTERNAZIONALI.300

 

IMPRESE SOCIALI

MISE IMPRESE SOCIALI 250

 

ESPANSIONE ALL'ESTERO

mise.internazionalizzazione 2

CONTRATTO DI SVILUPPO TURISTICO

CONTRATTI DI SVILUPPO TURISTICO

CULTURA CREA 2019 LINEA 1

CULTURA CREA nuove imprese dellindustria culturale 2019

CULTURA CREA 2019 LINEA 2

CULTURA CREA SOCIETA IMPRESE GIA COSTITUITE ALMENO DA 3 ANNI DELLINDUSTRIA CULTURALE E TURISTICA 2019 2

CULTURA CREA LINEA 3

CULTURA CREA ONLUS ONG. COOPERATIVE SOCIALI E VOLONTARIATO OPERATIVI NEL SETTORE DELLINDUSTRIA CULTURALE 2019

CONTRATTO DI SVILUPPO

CONTRATTI DI SVILUPPO 4.0 2018

CONTRATTO DI SVILUPPO INDUSTRIALE

CONTRATTI DI SVILUPPO INDUSTRIALE

RICERCA E SVILUPPO

RICERCA E SVILUPPO SCIENZA DELLA VITA

IMPRESE AGROINDUSTRIALI

CONTRATTO DI SVILUPPO AGROINDUSTRIALE 250

INSERIMENTO MERCATI EXTRA UE

INTERNAZIONALIZZAZIONE SPESE PROMOZIONALI INSERIMENTO MERCATI EXTRA UE 250

Patrimonializzazione delle Pmi Esportatrici

INTERNAZIONALIZZAZIONE.PATRIMONIALIZZAZIONE.PMI 250

MARCHI+3

MARCHI3 2018 MISE

Iscriviti alla Newsletter

FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE

PULSANTE FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE

CULTURA CREA 2019

CULTURA CREA 2019

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

AGEVOLAZIONI PER L'EXPORT

INTERNAZIONALIZZAZIONE FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI 250

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO

INVITALIA NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO 2017

START UP INNOVATIVE

SMART START ITALIA GIOVANI E DONNE

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

FONDI EUROPEI PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE

PRESTITO SCORTE E CAPITALE CIRCOLANTE

PRESTITO SCORTE E CIRCOLANTE 250X250

Iscriviti alla Newsletter

IMPRESE E COOPERATIVE SOCIALI

MISE ECONOMIA SOCIALE

HORIZON 2020 SME INSTRUMENTS

HORIZON 2020 SME INSTRUMENTS

Banca nazionale delle Terre Agricole

ismea banca nazionale delle terre agricole

ACCORDI PER L'INNOVAZIONE

RICERCA.SVILUPPO ACCORDI PER LINNOVAZIONE.250

CONTRATTI DI SVILUPPO

CONTRATTI DI SVILUPPO PULSANTE QUADRATO

PROGRAMMI EUROPEI A GESTIONE DIRETTA

programmi europei a gestione diretta

ISMEA NUOVO INSEDIAMENTO GIOVANI IN AGRICOLTURA

ISMEA.NUOVO.INSEDIAMENTO.GIOVANI.AGRICOLTURA LOTTO 3 PROROGA

LOMBARDIA ARTIGIANATO

Lombardia.Artigianato.Investimenti 200

CONTRATTO DI SVILUPPO TUTELA AMBIENTALE

CONTRATTO DI SVILUPPO TUTELA AMBIENTALE

CREDITO DI IMPOSTA 50%

CREDITO DI IMPOSTA 50

SMART & START ITALIA 2017

SMART.E.START.250

IPER E SUPER AMMORTAMENTO

SUPER AMMORTAMENTO E IPER AMMORTAMENTO

BEI LIFE4ENERGY

LIFE4ENERGY.JPG FINANZIAMENTI EFFICIENZA ENERGETICA IMPRES

CONTRATTI DI SVILUPPO PER LA TUTELA AMBIENTALE

MISE TUTELA AMBIENTALE ENERGIA E GAS

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI

PIEMONTE RISPARMIO ENERGETICO ENTI LOCALI PIEMONTESI

PIEMONTE RIDUZIONE CONSUMI ENEGETICI

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

Selfiemployment - Microcredito ai Giovani

SELFIEMPLOIEMENT.GIOVANI.NEED.UNDER.29

CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO PER DONNE E GIOVANI

INVITALIA.NUOVE.IMPRESE.TASSO.ZERO

Beni Sequestrati alla Criminalità

MISE BENI SEQUESTRATI ALLA CRIMINALITA ORGANIZZATA

AGEVOLAZIONI INTERNAZIONALIZZAZIONE E EXPORT

mise.internazionalizzazione

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI


HORIZON 2020 - PON IMPRESE & COMPETITIVITA'

PON 2014 2020 RICERCA SVILUPPO

CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI

MICROCREDITO E FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

BENI CULTURALI: IMPRESE CREATIVE

PON.FESR.CULTURA

LIFE (2014-2020) Programma per l’ambiente e l’azione per il clima

AMBIENTE.PROGRAMMA.LIFE

No Profit, Sociale e Volontariato

NOPROFIT.SOCIALE.VOLONTARIATO

Selfiemployment - Microcredito ai Giovani

SELFIEMPLOIEMENT.GIOVANI.NEED.UNDER.29

FINALITA

FONDI BEI: FINAZIAMENTI AGEVOLATI PER PMI

SETTORI

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Agevolazioni inserimento sui mercati esteri

INTERNAZIONALIZZAZIONE.CREDITI.ESPORTAZIONE

CERCA

Partecipazione a Fiere

INTERNAZIONALIZZAZIONE.PRIMA PARTECIPAZIONE.FIERE.E.MOSTRE

FONDI BEI: FINAZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI

CERCA

Iscriviti alla Newsletter

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI

FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI